Il Trentino dei Bambini

Da Terlano a Castel Neuhaus: silenzio e natura

Castel Neuhaus

Voglia di pace e silenzio senza incontrare nessuno per qualche ora? Ho la passeggiata giusta per voi! Dopo aver camminato lungo i sentieri dell’acqua merasesi (bellissimi ma molto trafficati) ci voleva (per la legge di contrapposizione) una bella escursione in solitaria (abbiamo incontrato solo due persone): quella che da Terlano (ad una cinquantina di minuti da Trento direzione Appiano che vi ricordiamo anche per la passeggiata ai suoi castelli) porta verso le rovine di Castel Neuhaus, che, per capirci, è quello visibile dalla strada con la grande bandiera rossa e bianca che sventola.

Arrivati a Terlano si prende la strada verso Meltina e si prosegue per circa 2 chilometri, dopo un paio di tornati si vede una piccola rientranza che funge da parcheggio per 5-6 macchine, la passeggiata si raggiunge attraversando la via principale. Da qui ci sono due sentieri da seguire, per andare verso il castello prendere quello contrassegnato come Margarethenpromenade.

Da qui comincia una tranquilla escursione davvero alla portata di tutti attraverso un bosco di latifoglie, la vista dei ricci per terra e delle fragoline di bosco che crescevano sui cespugli hanno stuzzicato il nostro appetito… ci siamo così fermati su una delle tantissime panchine che abbiamo incontrato per gustarci i nostri immancabili panini.

La passeggiata è semplice ma piena di piccoli ponti da attraversare che l’hanno resa davvero magica.

20160528_133345

Dopo una mezz’ora di cammino pianeggiante (e adatto anche ai passeggini) inizia l’unico tratto un po’ impegnativo l’ultima salita fino alle rovine del castello.

20160528_135249

Qui scalinate, stanze segrete, il sole che fa capolino attraverso la torre… uno spettacolo davvero unico.

20160528_140725

A noi è piaciuta in modo particolare la stanza tra le rocce, ci siamo raccontati un sacco di storie sulla sua origine o la sua funzione: pare fosse la stanza segreta dove si incontravano la principessa del castello, Margaret-Gaia, e il povero raccoglitore di asparagi selvatici (Samuel) di cui era segretamente innamorata.

20160528_141138

Dopo la visita siamo tornati indietro per lo stesso sentiero ma volendo si ha la possibilità di proseguire verso altre avventure. E’ davvero una passeggia adatta in tutte le stagioni (eviterei le giornate più calde) e perfetta anche per una mezza giornata. Credo ci torneremo presto per vedere dove portano gli altri sentieri.

E’ possibile iniziare la passeggiata anche dal centro di Terlano, seguite il segnavia numero 9 e calcolate circa un’ora in più di cammino (complessivamente).

 

 

Simple Share Buttons