Il Trentino dei Bambini

Gardolo: passeggiata delle sorprese

20160105_143739

Oggi ci siamo presi tardi,  eravamo senza macchina, ma quando dopo pranzo abbiamo visto un sole splendente e meraviglioso non abbiamo resistito: dovevamo uscire di casa!

Senza una meta precisa e soprattutto, senza nessuna voglia di affidarci ai mezzi per arrivare ad un qualsiasi punto di partenza, abbiamo preparato i nostri zainetti e siamo partiti all’avventura! Siamo fortunati abitiamo a ridosso del Calisio, così se di solito le nostre passeggiate si limitano ad un classico giro in ciclabile con sosta al parco di Melta, questa volta abbiamo deciso di salire verso la collina: c’è la passeggiata che collega Gardolo (si prende la stradina privata che parte a destra del bar di Melta, proprio davanti alla fermata dell’autobus che va verso Gardolo) a Martignano (in via dei Castori), è una strada asfaltata ma poco trafficata, ideale per i passeggini anche se la salita è a tratti un po’ ripida.

 

E’ un punto strategico da cui si domina l’intera città, Gaia e Samuel si sono divertiti tantissimo a cercare dall’alto la nostra casa, io parco, le case dei loro amici e tutti i punti di riferimento che conoscono… la prova che per divertirsi a volte non occorre andare troppo lontano!

20160105_145155

La nostra idea iniziale era di salire fino a Martignano, fare una sorpresa ad alcuni nostri amici e tornare a casa, ma arrivati a metà strada ci siamo imbattuti in una strada sterrata (in questo caso non adatta ai passeggini) che porta verso i Solteri e un misterioso sito archeologico! Come resistere alla tentazione? Dopo un altro quarto d’ora di strada siamo arrivati a Riparo Gaban qui, abbiamo ammirato quelli che poi abbiamo scoperto essere i resti di un insediamento preistorico scoperto una quarantina di anni fa.

20160105_151622

A questo punto abbiamo fatto la passeggiata inversa e siamo tornati a casa, in tutto siamo stati fuori non più di un paio di ore (camminando davvero con calma) ma è stata davvero memorabile.

Abbiamo trovato diverse “casette” vuote delle chioccioline (con cui abbiamo creato il nostro presepe naturale)

20160105_152944

Un cuore muschioso

20160105_150339

Foglie dalle forme particolati e tantissimi sassi, una passeggiata semplice che a Gaia e Samuel è piaciuta tantissimo, tanto che, quando hanno scoperto che non aveva un nome (per lo meno non un nome di cui sono a conoscenza) hanno deciso di chiamarla “la passeggiata delle sorprese

Simple Share Buttons