Alla scoperta dei “Profumi di campagna”

Finalmente siamo tornati ai “Profumi di Campagna” non lo avevamo in programma in questa estate pienissima, ma Gaia erano mesi che mi assillava: non trovava giusto che Sam ci fosse stato e lei no! La volta scorsa siamo andati in autunno inoltrato, le giornate avevano cominciato ad accorciarsi e la temperatura era fresca, quindi è stato davvero emozionante “riscoprirla” in estate, quando i “profumi” decantati nel suo nome riecheggiano davvero nell’aria.

Danila ci ha accolti per un pomeriggio nella sua pazza famiglia ed è bello scoprire che nulla è cambiato dalla nostra ultima visita: mi sono sentita a casa. O meglio… alcune cose sono cambiate: abbiamo fatto amicizia con i nuovi membri del clan: i gerbilli

profumi di campagna (6)

e il piccolo Merlino, l’agnellino di tre mesi alla perenne ricerca di coccole e latte.

profumi di campagna (8)

Abbiamo approfittato della disponibilità di Danila per fare un saluto alle Rosite,

profumi di campagna (12)

una corsa con le pecorelle (Heidi, credevi di essere speciale tu con le caprette che saltavano facendo ciao vero? Scansati che qui abbiamo le pecorelle da inseguimento!)

profumi di campagna (19)

e una carezza ai lama.

profumi di campagna (17)

Poi siamo andati tutti a fare una passeggiata nell’orto per mangiare i pomodori direttamente dalla pianta (che così sono ancora più buoni) – niente foto… ero troppo occupata con gli assaggi!

Quando abbiamo finito di conoscere gli animali abbiamo fatto un salto nel laboratorio a cardare la lana “mamma io mi fermo qui a lavorare!

profumi di campagna (24)

Giocando e correndo è iniziata a salire la fame, così abbiamo gustato una buonissima merenda rigorosamente vegana (e se avete dubbi sulla bontà, vi dico solo che Gaia, quella che le torte non le mangia mai, si è spazzolata tutto in 3 minuti).

profumi di campagna (23)

Alla fine Gaia ha voluto aiutare Danila ad accompagnare gli animali per la notte, gesti semplici dal sapore antico come riempire le mangiatoie di fieno assumono un gusto unico per questi “bambini di città”.

profumi di campagna (35)

Ci piace venire qui perché ci rilassa e per qualche ora è possibile dimenticare gli affanni di tutti i giorni. Non so voi ma io un pomeriggio in fattoria lo prescriverei al posto di tante medicine 😀

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *