Barbie curvy? Un po’ si… ma anche no!

Avete sentito la notizia? Stanno per invadere il mercato 5 nuovi modelli di Barbie. Si chiameranno «petit» (minuta), «tall» (alta) e «curvy» (formosa) e hanno l’obiettivo di rappresentare tutte le donne. Idea bella? Brutta? Utile? Completamente inutile? Ha senso delegare ad un giocattolo un insegnamento (che siamo tutti diversi) che dovrebbe provenire dalla famiglia?

Ci ho pensato per un po’ e sono arrivata ad una conclusione: a me l’idea di una barbie con un fisico non statuario piace molto. E’ realistica. Quello che mi piace di meno è il nome. C’è davvero bisogno di chiamare una Barbie formosa (leggi grassottella)? Come se fosse l’aspetto a determinare chi è una persona. L’accento calcato sul suo aspetto fisico è sbagliato, senza un input esterno un bambino lo nota davvero se un giocattolo è più alto o “più formoso” di un altro?

Non sono un’esperta in materia ma ho 2 bambini e questo mi regala una certa esperienza. I miei bambini giocano con tutto quello che capita loro sotto mano. I miei bambini hanno fatto sposare un orsacchiotto di peluches con un Gormito formato gigante. Che ai miei bambini venga regalata una bambola bollata come “formosa” o “bassa” da fastidio. Perché? Perché a noi piace evitare etichette. Preferisco sapere che alla tal bambola piace il gelato, leggere, ama le lunghe passeggiate, che è una romantica senza speranza,  che adora i tramonti e non sopporta il bullismo. Se poi è bassa e formosa è una cosa che deve passare in secondo piano. Non voglio che mia figlia possa solo pensare la frase “tu usi la Barbie formosa perché sei più grassottella di me”, devo essere sincera, è una cosa che mi darebbe parecchio fastidio.

E poi, la barbie classica allora cos’è, normale? Normale in base a quali canoni? Sono solo bambole, da piccola non le ho mai prese come modello, ma penso che sia sbagliato pensate che una bambina si debba identificare con una bambola “minuta” una bambina deve potersi identificare con una bambola che abbia un carattere, non solo un aspetto.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *