Oggi come oggi le famiglie si trovano in una situazione di disagio in cui dovendo andare al lavoro, a scuole chiuse, necessitano di un supporto domiciliare per la gestione dei bambini. La Provincia Autonoma di Trento per dare immediata risposta a questa necessità di conciliazione famiglia-lavoro promuove il servizio di incontro domanda-offerta dedicato al babysitting domiciliare. Questo tipo di servizio è stato già sperimentato nel corso del 2020, grazie ad un accordo volontario siglato tra Agenzia per la famiglia, natalità e politiche giovanili e Agenzia del Lavoro.

Attenzione: si ricorda che gli aventi diritto (articolo n. 2, DECRETO-LEGGE 13 marzo 2021, n. 30: Misure urgenti per fronteggiare la diffusione del COVID-19 e interventi di sostegno per lavoratori con figli minori in didattica a distanza o in quarantena – GU Serie Generale n.62 del 13-03-2021) possono utilizzare uno o più  bonus baby-sitter mediante lo strumento del libretto famiglia, per  l’acquisto  di servizi di baby-sitting nel limite massimo complessivo di 100 euro settimanali. A breve si attende la circolare Inps che disciplina le modalità di erogazione del voucher e la definizione dei requisiti di attuazione.

Come funziona se si è una famiglia? 

Sul sito di Agenzia del Lavoro sono reperibili i moduli compilabili on-line, attraverso i quali le famiglie interessate possono fare richiesta dei nominativi di baby-sitter disponibili. Per richiedere i curricula degli/delle aspiranti baby sitter basta dunque inviare la richiesta compilando questo form. Una volta compilata e inviata la richiesta, le famiglie verranno contattate da un operatore del Centro per l’impiego per definire la richiesta e la concordare la modalità d’invio dei CV.

Come funziona se si è una baby-sitter?

Nello stesso modo: i/le aspiranti baby-sitter possono candidarsi al lavoro compilando i moduli appositi sul sito. Deve essere compilato il form a questo link . Una volta compilata e inviata la candidatura, si verrà contattati da un operatore del Centro per l’impiego per iscriverti alla banca dati di incontro domanda offerta. La  candidatura sarà segnalata alle famiglie che si sono rivolte al Centro per l’impiego per richiedere i curricula dei/delle baby sitter.

Naturalmente il servizio va fornito nel pieno rispetto dei protocolli di sicurezza per il contenimento della pandemia: ecco gli indirizzi sanitari volti a contenere le probabilità di trasmissione del virus: Protocollo generale per la sicurezza sul lavoro; Protocollo Baby sitter.

Per maggiori informazioni è possibile inviare una e-mail: domanda.offerta.adl@provincia.tn.it e/o contattare il Centro per l’impiego di riferimento.