La primavera in cucina con i fiori di Timmy

Timothy il creativo lo conoscete già, ma forse non conoscete Timothy l’apprendista cuoco! Avrà sicuramente preso dal suo papà perché nella lista delle cose che mi piacciono fare non è contemplata, ahimè, la cucina. Sabato di primavera, prima scampagnata nella casa di montagna per Timothy e anche primo risotto… rigorosamente ai fiori! Eh sí, perché non di cucina tradizionale vi parliamo, ma di cucina creativa: bella da vedere e buona da mangiare. Fiore a caso? No, la regina della primavera: la primula! Non selvatica naturalmente, ma coltivata nell’orto, perché conosciamo le regole.image Primo step: raccogliere un po’ di fiorellini e due foglie, le più tenere (solo due perché le foglie contengono sostanze che assunte in grande quantità possono essere nocive). Dopodiché preparare un piccolo soffritto di porro (variante della cipolla), tostare il riso, mettere 2/3 di primule e poi proseguire con una normale preparazione aggiungendo il brodo vegetale. Alla fine, la parte preferita di Timmy, la guarnizione: con le primule rimaste “disegnare” il piatto a piacere. Che sapore! Che splendore! E che soddisfazione gustare un prodotto della primavera: é come sentirla in bocca oltre che vederla, annusarla e toccarla. imageNella quiete della campagna è tutto ancora più esaltante. Ottimo lavoro per i nostri cuochi!
Se volete provare a stupire i vostri bambini vi consigliamo questo risotto di primavera!
#buonappetito #peresserefelicibastalaprimavera

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *