Vermiglio, ai laghetti di San Leonardo

Cosa amano i bambini? Giocare con i secchi, la sabbia, le carrucole, e poi con l’acqua creare laghi, dighe e canali. Per questo non si schioderanno più dai due giochi che ci sono ai laghetti di San Leonardo, a Vermiglio, in alta Val di Sole. Un’idea semplice ma geniale. Il posto è magnifico: ampi spazi verdi con tre laghetti, appunto, in cui si riflette la Presanella  e dove nuotano cigni e anatroccoli appena nati.


La strada sterrata che ci gira attorno in una ventina di minuti è perfetta per i passeggini da trekking e i tanti giochi presenti per i bambini (dai classici parchi gioco ai tronchi in legno diventati delle sculture di draghi) completano il quadro di un posto ideale per una giornata di relax e divertimento.

Quello che ha colpito subito però è il gioco dei lavori idraulicinei pressi del laghetto sulla sinistra, più vicino al paese. Con una pompa si preleva l’acqua. Una volta riempita la bacinella la si fa passare alzando due tappi, facendola scendere nelle condutture di legno.

L’acqua viene poi fatta risalire con una trivella ad elica, per arrivare ad una diga, che per essere aperta implica la comprensione di un sistema particolare e così via, fino a far tornare l’acqua la lago. Forza, arguzia ed ingegno sono necessari per completare l’opera.

Chi vuole fare una passeggiata un po’ più lunga dal laghetto può attraversare il torrente Vermigliana, proseguire sulla stradina deviando al primo bivio a destra e dopo circa 200 metri imboccare il sentiero che sale alla cascata di Palù. Molto comodo il bar/ristorante con terrazza che serve la zona, ideale come punto d’appoggio se rimanete lì tutto il giorno.

Per mangiare vi consiglio anche i vicini Agritur Volpaia (qui si può arrivare anche a piedi, sul marciapiede che costeggia la strada) e Maso Celesta (una decina di minuti in auto). Vi consigliamo di telefonare per verificare l’apertura. Noi siamo andate all’Albergo Alpino: bell’ambiente in stile alpino e ottima cucina casareccia. Assolutamente da provare!

4 CommentiLascia un commento

Rispondi a Latemarium: un percorso pieno di sorprese | Il Trentino dei Bambini Cancella risposta

Your email address will not be published. Required fields are marked *