Maternità: diventare mamma nonostante la malattia

Diventare mamma è, per alcune donne, un percorso lungo e laborioso. Quando il desiderio di maternità viene ostacolato dalla presenza di una malattia cronica ci si ritrova spesso a dover abbandonare l’idea a causa di medicine e cure troppo invasive.

Ma è proprio vero che a chi si ritrova a convivere con una malattia cronica la maternità viene sempre negata? Ne ho parlato con Cristina Acquaviva, dell’associazione Il Giglio d’Iside, mamma da 10 mesi di Arabella, una bambina che è quasi un miracolo: infatti Cristina ha il Morbo di Crohn una malattia cronica autoimmune che costringe a continue cure ed esami.  Mi racconta il suo percorso (lo potete trovare qui) mi racconta la difficoltà a concepire, il post parto difficile in cui la malattia era una compagnia costante e indesiderata, la voglia di allattare nonostante tutto.

cristina 2

Fortunatamente, a dispetto delle difficoltà che ha incontrato e che continua ad incontrare lungo il suo cammino, Cristina ha una vitalità che irradia, si sente attraverso il telefono mentre mi parla con affetto della sua Arabella, ed è grazie a questa vitalità e al sostegno costante del suo compagno che Arabella sta crescendo in un ambiente sereno e ricco d’amore.

Sabato 27 febbraio alle ore 16.00 nella sala della Circoscrizione di Gardolo, ci sarà un incontro organizzato dall’associazione Giglio D’side sulle “Malattie croniche e sostegno alla genitorialità – Quando le strade di genitori e figli si incrociano con il morbo di Crohn e rettocolite ulcerosa” un incontro per parlare di speranza, un incontro per confrontarsi e per dare sostegno a chi si trova in situazioni simili a quelle di Cristina.

Diventare mamma, partorire, allattare il proprio bambino quando si convive con una malattia cronica non è facile e soprattutto non è scontato. Ma quando una donna ci riesce grazie ad un’immensa forza di volontà non si può rimanere indifferenti. Per questo consigliamo a tutti di partecipare a questo incontro. Permetterà di vedere il mondo sotto una luce migliore.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *