Oggi leggiamo “Un libro”

Siamo bloccati a casa con l’ennesima influenza della stagione (a noi piace essere precisi: almeno un paio di giorni al mese li passiamo nel letto) quindi ne approfitto per parlarvi di un libro che è il nostro (mio e di Samuel) preferito in assoluto.

Quale? Lo ho detto. Un Libro. Di Tullet. Che se non lo conoscete un solo consiglio: spegnete questo computer e correte in libreria, subito. Anzi no, dai: prima finite questo articolo.

Mi sono imbattuta in Un libro, per caso (come si dice, un libro non si sceglie ma TI sceglie) ed è stato amore a prima vista. Samuel aveva già 4 anni e temevo fosse un po’ troppo grande per un libro del genere, niente di più sbagliato: ho visto bambini (e adulti) di ogni età perdersi tra le sue pagine. Pure A. la pragmatica amichetta di Gaia se lo è letto tutto d’un fiato, stupendosi ogni volta che girava una pagina.

20151103_100710

Perché?

Come “perché?”! Perché questo è un libro magico e interattivo, dove i bambini non solo leggono, ma si scoprono protagonisti di quello che succede!

Poche parole per pagina e tanti puntini colorati sono il segreto di questo libro. Samuel, che non sa ancora leggere, lo conosce a memoria e lo racconta ad amici, nonni ed animali di peluches. Non si stufa mai!

Pallini gialli

In più, grazie al gioco ha acquisito una dimestichezza tra “destra” e “sinistra” che io, che devo ancora toccarmi l’anello per capire da che parte mi hanno detto di girare, non avrò mai.

Un libro, lo consiglio a tutti, ma proprio a tutti; grandi e piccoli che credono che un libro sia molto meglio di un video gioco.

 

4 CommentiLascia un commento

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *