A Pampeago tutta la bellezza di RespirArt

Che a noi piacciano da impazzire i parchi d’arte non è un mistero. Nella nostra sezione dedicata ne abbiamo descritti tanti, uno più bello dell’altro. Pensavo che nulla potesse ormai stupirci e invece Respirart, sull’Alpe di Pampeago, in Val di Fiemme, è stata una meravigliosa scoperta. D’altra parte quando c’è dietro lo zampino di Beatrice Calamari il risultato non può che essere avvolgente. Venendo da Trento si prende l’autostrada (oppure si percorre la Valfloriana, da Civezzano), si esce a Ora, poi, poco prima di Cavalese si esce a destra e si seguono le indicazioni. Confesso che, pur frequentando moltissimo questo posto in inverno, con le sue splendide piste da sci, d’estate non ero mai stata quassù. E che fantastica scoperta, soprattutto con questa impeccabile giornata!

L'arte è un mistero con ali di farfalla

trentinodeibambini-respirart

Io e mia cugina Francesca siamo andate in avanscoperta per voi: abbiamo lasciato la macchina al parcheggio della seggiovia Tresca (arrivati ai primi impianti proseguite dritti, qualche tornante e ci siete) e poco dopo abbiamo fatto amicizia con degli splendidi asinelli in libertà.DSC_0519

Salutati gli asinelli con un po’ di fatica (mi piacerebbe aprire un allevamento d’asini #eccolhoscritto), abbiamo affrontato una mezz’ora di salita (un po’ impegnativa per i bimbi, ma ne vale la pena) ed eccoci arrivate a Chalet  Casarina (tel. 342 101 9098), dove in estate ci si può fermare a mangiare. Comunque, da lì parte il giro ad anello: circa tre chilometri, tra i 2000 e i 2200 metri d’altitudine, dove più o meno a sorpresa spuntano delle opere d’arte naturali. A noi è particolarmente piaciuta la Messa a fuoco sul Latemar di Marco Nones:
Messa-a-fuoco-sul-Latemar

Il Guardiano di emozioni, di Giampaolo Osele e la Valanga di pensieri di Thorsten Schutt:

DSC_0577

Assolutamente scenografica la maestosa Natura Viva, con la sua grande cornice (foto principale del post) che racchiude il Latemar o il cielo, o un po’  e un po’, dipende da dove osservi. Meravigliosi i tre troni per contemplare l’incredibile paesaggio e davvero suggestive le vetrate di differenti colori che permettono una visione unica delle montagne.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

DSC_0610

Passeggiando passeggiando ecco arrivati alle ultime opere (12 in totale) con la grande Mind Eye di Olga Ziemska

DSC_0619
Ancora qualche decina di metri ed eccoci di nuovo a Baita Caserina, dove c’è una fontana per rifornirsi d’acqua, e tante, tantissime mucche – con i vitellini – al pascolo. Anche per oggi la nostra bella avventura si è compiuta (anche se come sempre abbiamo scoperto almeno altri dieci posti da visitare nei dintorni).

DSC_0601

RespirArt è aperto tutto l’anno, ad accesso libero (calcolate però che d’inverno c’è la neve e lì sono piste da sci). Dal 30 giugno al 9 settembre 2018 , aperta anche la seggiovia Agnello (orari: 08.30 – 13.00 / 14.15 – 17.30). Costi: Adulti € 6,00 corsa singola, € 8 andata e ritorno, Ragazzi (nati dopo il 4 giugno 2001) € 4,00 corsa singola, € 6,00 andata e ritorno, Bambini sotto gli 8 anni gratis. Informazioni: +39 0462 813 265). Si arriva fino al Rifugio Agnello (tel. 348 0828583) dove si mangia benissimo, evitando così il primo tratto di salita. Poco sotto raggiungerete così il sentiero, effettuando poi tutto il giro. Il percorso si può fare anche in passeggino, se si sale senza seggiovia, ma calcolate il primo pezzo piuttosto ripido.

Per l’utilizzo della seggiovia è anche a disposizione un FAMILY TICKET:
€ 24,00 andata e ritorno (2 adulti e max. 2 bambini*);
€ 19,00 andata e ritorno (2 adulti e 1 bambino*);
€ 17,00 andata (2 adulti e max. 2 bambini *)
€ 13,00 andata (2 adulti e 1 bambino*)
* dai 9 ai 16 anniInformazioni: 0462 813 265.

Info:
cell. 335 1001938;
respirartgallery@gmail.com
respirart-trentino-dei-bamb

3 CommentiLascia un commento

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *