Orrido di Ponte Alto: che spettacolo per i bambini!

Per chi non ricorda l’emozione di stare sotto quella cascata (che a me da piccola pareva enorme, e devo dire che ancora lo è) può comprendere la felicità della riapertura della Forra di Ponte Alto, avvenuta lo scorso settembre. Chi ancora non lo conosce, amerà quel posto ad una decina di minuti da Trento (direzione San Donà – Cognola), meglio conosciuto dai trentini come l’“Orrido”.

Questo è un luogo straordinario, dal punto di vista naturalistico: è il tipico sito da cartolina, che vale il viaggio perché regala nello stesso tempo bellezza (quella della natura più aspra), emozioni (quella dell’altezza, del vuoto, della verticalità), conoscenze scientifiche e storiche, se è vero che gli sbarramenti costruiti per mitigare la forza dell’acqua sono ancora in parte quelli di Cristoforo Madruzzo.

Fin dal 1800 la forra nei pressi di Ponte Alto ha affascinato gli abitanti e i visitatori della città di Trento. L’Orrido è un profondo canyon scavato dalle acque tumultuose del Torrente Fersina nel corso di migliaia di anni. Qui nel 1500 sono state costruite alcune delle opere idrauliche più antiche del mondo, per scongiurare le alluvioni in città. Le due briglie danno origine a spettacolari cascate alte oltre 40 metri che si fanno strada tra gli strati di roccia rossa, creando scenografici giochi di luce.

Per motivi di sicurezza la forra è accessibile solo se accompagnati da una guida, che vi racconterà in 45 minuti circa anche tutte le particolarità del luogo. Molto carino, sia per i grandi che per i piccoli (mantellina antipioggia consigliata per stare sotto la cascata, quando la portata d’acqua è notevole).

ORARI:

  • sabato e domenica visite all’inizio di ogni ora, dalle 10 alle 18 (visite senza prenotazione, fino al raggiungimento del numero massimo di 25 persone per visita). Dal 28 giugno al 31 agosto visite anche il venerdì sera dalle 18:00 alle 20:00. Apertura straordinaria il 15, 16, 17 agosto dalle 10:00 alle 18:00.Visite senza prenotazione fino al raggiungimento del numero massimo di 25 persone. Vi consigliamo di presentarvi 15-20 minuti prima. 😉
  • gruppi organizzati (solo su prenotazione allo 0461 216000) anche in orari diversi e durante la settimana. Costo: 80 euro.

BIGLIETTI D’INGRESSO

  • adulti: 5 euro
  • bambini sotto i 12 anni: 3 euro
  • Da 0 a 5 anni: gratis
  • gruppi organizzati su prenotazione: 80 euro

INFO: tel. 0461 216000 – www.orridopontealto.it

L’Orrido è raggiungibile:

  • con le corriere, sia da Trento e da Pergine
  • con l’autobus,  prendendo il numero 9 a Trento (piazza Fiera o piazza Venezia). Scendete poi alla rotatoria  e da lì sono una decina di minuti a piedi, seguendo le indicazioni per Villa Madruzzo e poi proseguendo diritti. Si arriva anche con il 10 (sempre da piazza Fiera o piazza Venezia), con un tragitto un po’ più lungo visto che si passa anche dal paese di Martignano. Arrivati a Cognola scendete alla chiesa e percorso come sopra.
  • in auto, parcheggio disponibile presso il centro sportivo di Cognola in via Ponte Alto (poi cinque minuti a piedi).

11 CommentiLascia un commento

    • Ciao Fernanda, l’Orrido è sempre bello da visitare in ogni stagione, ma in particolar modo in primavera. E’ adatto ai bambini piccoli, che rimarranno letteralmente impressionati dall’emozione di passeggiare all’interno della cascata. 😉

  • Ciao, vorrei sapere se è possibile visitarlo anche in una giornata piovosa… Perché dalle immagini non capisco se il percorso sia coperto. Grazie mille

  • Ciao Stefania, si è visitabile anche con la pioggia, ma essendo il primo tratto non coperto ti consigliamo di portare con te un ombrello.

    • Buongiorno Sabrina, in questo periodo è aperto solo il sabato e la domenica. Durante la settimana è visitabile su prenotazione per gruppi. Per maggiori informazioni può contattare l’Ecomuseo dell’Argentario che gestisce il sito (tel. 3356514145).

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *