Settimana europea della dislessia

“Cos’è la dislessia?”, ” Cosa devo fare se sospetto che mio figlio sia dislessico?”, “A chi devo rivolegermi per una diagnosi?” Queste sono solo alcune delle domande più frequenti che si pongono i genitori per quello che riguarda la dislessia. Prima di tutto una cosa importatante (che bisogna ripetersi fino alla sfinimento):

la dislessia non è una malattia ma un disturbo che riguarda la capacità di scrivere e leggere in modo rapido e corretto. 

In Italia circa in 3-4% della popolazione ne è colpito, finora non si è fatto molto ma finalmente qualcosa si sta muovendo e si sta raggiungendo sempre una maggiore consapevolezza sull’argomento; quante volte infatti è capitato che venisse bollato come “svogliato” un bambino dislessico?  La settimana europea sulla dislessia si pone anche questo obiettivo: sensibilizzare genitori e insegnanti in modo che si riesca ad ottenere una diagnosi precoce.

Se si sospetta che un figlio abbia difficoltà nell’apprendimento è necessario richiedere una valutazione specialistica (fatta da esperti nel settore tramite appositi test). Il logopedista, gli insegnanti o i tecnici della riabilitazione possono sottoporre ai bambini solo una parte dei test, che non hanno un valore diagnostico, ma possono essere una prima indicazione della necessità di contattare un esperto.

Una diagnosi di dislessia può essere fatta solo alla fine della seconda elementare, ma, in caso di dubbio può essere comunque una buona idea effettuare in anticipoo una valutazione specialistica.

Vio ho chiarito qualche dubbio o sono riuscita a confondervi ancora di più le idee? In questo caso nente paura:  Al centro Studi Erickson dal 3 al 7 ottobre professionisti esperti saranno a disposizione di genitori, insegnanti ed educatori per offrire informazioni, orientamento e consulenza su:

  • lettura della diagnosi di DSA;
  • possibilità di intervento, trattamento e potenziamento;
  • utilizzo degli strumenti compensativi e dispensativi;
  • metodi di studio;
  • normativa di riferimento e diritti previsti;
  • fattori predittivi e indicatori precoci dei DSA.

I colloqui sono gratuiti e avranno la durata di 25 minuti ciascuno ed è necessaria la prenotazione al numero 0461 950747 o 0464 808115 (Laboratorio di Osservazione Diagnosi e Formazione di Rovereto), insomma che dire? Non è una splendida occasione per venire incontro alle esigenze delle mamme e dei bambini?

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *