Spunta un giardino tra gli alberi: Bosco Derniga

Chiuso, aperto solo nei mesi estivi

Se conoscete un pochino la Val di Sole non potete non essere stati almeno una volta a fare un picnic in Valpiana. Meravigliosa zona con prati e tanto verde, tagliata a metà da un torrente che permette di passare giornate uniche! Ecco, proprio vicinissimo a questo angolo di paradiso, che ora ospita anche alcune abitazioni, nasce un bel progetto che ha riportato in vita, passatemi il termine, una zona che era destinata in precedenza a vivaio (per far cerscere in modo protetto le piantine di abete rosso), ma che è stata poi nel tempo dimenticata.DSC_2515

Il mio suggerimento è di arrivare a Bosco Derniga dalla strada più lunga tra quelle consigliate, perchè vi godrete non solo un bel sentiero, ma anche delle belle installazioni floreali che richiamano i mesi dell’anno.DSC_2502

Arrivate a Ossana e parcheggiate vicino alla chiesa e da lì imboccate il sentiero che conduce al Bosco (asfaltato in parte e anche per il resto assolutamente praticabile con il passeggino da trekking), il “Sentiero dei fiori”. Una dopo l’altra vi passeranno davanti agli occhi delle belle aiuole decorate a tema con fiori, sassi e altri elementi che richiamano i vari mesi dell’anno.IMG_2335

A noi è piaciuto settembre con un grappolo d’uva fatto di sassi, per richiamare il tempo della vendemmia. Arrivati in cima al sentiero (che vi porterà via tra i 20 e i 30 minuti di camminata a seconda dell’andatura), vi imbatterete direttamente nelal piccola fattoria che sta proprio sotto il recinto di Bosco Derniga: un cavallo e un pony, un asino, due caprette e il mitico maialino George, timidissimo ma tanto carino. Animali molto docili e abituati al tocco umano: un vero momento coccoloso per tutta la famiglia.DSC_2525

Appena entrerete al giardino la prima cosa che noterete, ne sono certa, è l’estrema cura chei gestori hanno per questa piccola oasi: pare quasi un disegno colorato disteso in mezzo al bosco. I giovani ragazzi che fanno da guida e animazione di questo posto sono molto cordiali e si prodigano affinchè tutti capiscano li senso del luogo e ne apprezzino il modo in cui è curato. Si tratta di un percorso, ben segnato da una stradina,  attraverso la scoperta di alberi e piante, fiori e segreti del bosco e non solo. Alcune cose sono ancora “under construction”, come alcune installazioni sensoriali che promettono davvero bene o le casette: dedicate alle api (il collegametno con il Mmape di Croviana è evidente) e ai funghi. Ci piace particolarmente il piccolo giardino botanico che contiente tante spezie, fiori e anche verdure. Il Bosco è praticamente sempre aperto in estate, l’ingresso è libero e, se si attraversa si arriva in un bel punto panoramico, fuori dal recinto, con tavole da picnic e anche una bella fontanella di acqua fresca: l’ideale per fermarsi a riposare e mangiare qualcosina. DSC_2527

Al centro del Bosco Derniga domina la struttura che ospita i laboratori per i bambini, attivi tutti i pomeriggi, senza prenotazione e a offerta libera. Timohty crea con il legno un elfo del bosco, mentre sophie una bella spilla a forma di ape. Io e Patrick ci godiamo la bellezza del Bosco e il silenzio (che meraviglia il silenzio) seduti sulle panchine che ci sono fuori dalla casa. Che idea carina questa del laboratorio! Ma qui al bosco in realtà si fanno anche tante attività strutturate, che trovate elencate qui insieme ad altre info utili. Ci intriga quella sul picchio del giovedì, ma anche fare la conoscenza della fata dei fiori non sarebbe niente male. IMG_2331

Se all’andata avevamo percorso la strada più lunga, in mezzo al bosco, partendo dalla chiesa di Ossana e godendo della bella vista del Castello, al ritorno decidiamo di dare uno sguardo al percorso breve (quello usato dai carbonai). Taglia dal dorso del bosco, è servito da un bello steccato di legno, ma a tratti è scosceso e non adatto ai passeggini, percorribilissimo invece con i bambini un po’ più grandi. Nessun problema con gli zaini e le fasce ovviamente. Ci si impiega dieci minuti scarsi a piedi e si arriva al piccolo parcheggio sulla strada che porta a Valpiana.  Tutti i sentieri sono segnati da un cartello con lo scoiattolo, simbolo del Bosco Derniga. IMG_2308

Noi vi consigliamo di unire la visita al Bosco Derniga con quella al MMape, visto che salire fino in Val di Sole è un po’ impegnativo. I due ambienti vanno a braccetto. Tra l’altro da entrambe le località potete prendere la ciclabile oppure fare qualche bella passeggiata.

Per informazioni:  333 5355687  – boscoderniga@comune.ossana.tn.it
facebook.com/BoscoDerniga
twitter.com/BoscoDerniga
instagram.com/BoscoDerniga

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *