Stasera gnocchi carotosi! (gluten free)

Amanti delle cose buone accorrete! Gli gnocchi piacciono a tutti, è indubbio. Unico neo: io non sono capace di cucinarli o meglio, sono capace di aprire la busta e buttarli in abbondante acqua salata ma non di impastarli da zero, diciamo. Questa ricetta arriva perciò a pennello: chissà che anche io non riesca, per la prima volta, a produrre qualcosa di decente in fatto di gnocchi (per l’occasione ruberò anche lo strumento per tagliarli a mia sorella che invece se ne intende). Antonella Iannone però, ha sempre una sorpresa in serbo per noi e oggi non poteva essere da meno: gli gnocchi che ci propone sono, pensate un po’, di carote! Che alimento la carota: dolce, ma con svariati utilizzi nel “salato”, con tante vitamine, buona cruda, ma anche cotta, nelle minestre, nei soffritti e in un sacco di occasioni. Oggi la scopriremo in chiave morbidosa: cucineremo degli gnocchi “carotosi” (che va di moda).ajaxmail-34

I punti di forza:
1) soffici per via della ricotta
2) gluten free perché useremo la farina di grano saraceno bianco
3) economici e riciclosi (nell’impasto è previsto un uovo ma può essere tranquillamente sostituito da due albumi che è, per l’appunto, un modo per utilizzare gli albumi avanzati).
4) i bambini potranno provare a cucinarli con Antonella direttamente se parteciperanno ai corsi di cucina del mese di marzo (le info qui: www.incucinapuoi.it )

Lista della spesa a voi:
300 g di carote
350 g farina di grano saraceno bianco + un po’ per la spianatoia
150 g ricotta
1 uovo
1 pizzico di sale
60 g burro
formaggio grana grattugiato

Cominciamo a darci da fare: sbucciare (o fate sbucciare ai piccoli aiutanti) le carote e tagliatele in modo grossolano per poi cuocerle a vapore sino a quando saranno tenere (circa 15 minuti). Una volta che le avrete fatte intiepidire frullatele con la ricotta. Dopodiché, in una ciotola, versate la farina, il sale e la purea di carote e impastate bene. Unite infine l’uovo (o gli albumi come spiegato sopra). Continuate ad impastare fino ad amalgamare tutti gli ingredienti ed finché avrete ottenuto un bel panetto. Formare i classici cilindri e tagliare gli gnocchi (io sfodererò la strumento di “cucina avanzata” 😉  “gnocchi party” per questa prima – e forse unica – occasione).ajaxmail-35
Portate a bollore l’acqua, salatela e versate gli gnocchi: come sapete, almeno io questo almeno lo so, saranno pronti appena verranno a galla. Come condirli? Antonella suggerisce il classico e intramontabile burro fuso e parmigiano: in un pentolino fondete il burro (io adoro il profumo del burro fuso…mi trasporta a quando avevo 5 anni) e man mano che gli gnocchi sono cotti conditeli aggiungendo, se vi piace, una bella spolverata di parmigiano grattugiato.

Sto riflettendo che quasi quasi appena stacco dal pc invece che la pausa caffè faccio la “pausa gnocchi” e impasto per pranzo: chissà che sorpresa! Un uso alternativo delle carote, che ai bambini piacciono sempre e che così le riscopriranno in una versione tutta nuova. Se invece fanno fatica a mangiare le verdure in generale, qui gliele farete passare senza grandi sforzi: le cose morbidose vanno sempre per la maggiore! Trovate tanti altri consigli gustosi sul blog incucinapuoi.it o sulla pagina facebook di Antonella “PassioneCucina” e anche le indicazioni per i corsi per grandi e piccini!

Buon appetito e… visto che ci siamo vi regaliamo questa
bella filastrocca per accompagnare il pranzo o la cenetta dei vostri piccoli:

Giù nell’orto sta una carota
prendila per il ciuffo
e riponila nella cesta vuota.
Verde la chioma
arancione la buccia
corri da mamma che te la sbuccia!

(Ornella – filastrocche.it)

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *