Questa ricetta è perfetta per una torta di carote leggera, nutriente e sfiziosa. Soprattuto è una ricetta senza burro così da poter esser assaggiata anche dagli intolleranti. Ed è sicura, perchè testata da Antonella Iannone. Fantastica idea!

BodyPart

Siete pronti? Penna e bloc notes che arriva la consueta lista della spesa:
300 g carote (meno di una confezione da supermercato per capirci, poi se le comprate sfuse è meglio che risparmiate 😉 ), 300 g mandorle, 250 g zucchero, un limone (ne userete la buccia e solo di mezzo), 4 uova, 80 g farina e mezza bustina di lievito per dolci. Attenzione al limone, ne userete la buccia quindi va comprato non trattato.

Un appunto prima di cominciare: dovrete usare il forno statico (cioè senza ventola).

Tutti pronti per iniziare?

Per prima cosa tritate le mandorle e mettetele da parte e grattugiate la buccia di mezzo limone. Frullate poi lo zucchero con la buccia del limone  direttamente senza la necessità di tritarlo da solo, in questo modo gli oli essenziali del limone s’impregnano nello zucchero. Sbucciate le carote (che è la parte più noiosa, ma magari i vostri bimbi si divertiranno a farlo per voi) e poi tagliatele a pezzi e tritatele. Ora siete pronti per l’impasto! In una ciotola versate le carote tritate, unite lo zucchero e mescolate con una spatola, aggiungete le uova ed incorporatele all’impasto. Manca pochissimo… basta aggiungere la farina, le mandorle e per ultimo il lievito e amalgamare tutti gli ingredienti per bene. Visto che bel colorino arancione? Proprio in linea con le tinte autunnali e un ottimo modo per convincere i piccoli a mangiare una merenda diversa e colorata, ma soprattutto sana! Ora potete accendere il forno statico a 160°e permettere ai vostri piccoli aiutanti di fare quello che tutti noi da piccoli abbiamo fatto almeno una volta: imburrare ed infarinare lo stampo per torte (Antonella consiglia quello da 24 cm di diametro per una torta più alta e morbida; con uno stampo più ampio ricaverete una torta più bassa ma altrettanto gustosa). Una volta terminato lo step imburro – infarino (e aver ripulito la cucina dalla farina volta qui e lì grazie ai vostri aspiranti junior master chef ), versate il composto e cuocete in forno per 10 minuti a 160° poi 40 minuti a 180°. Non sbagliate questo passaggio mi raccomando! Io sono nata col talento di bruciare le cose in forno, ma voi non mi deluderete lo so! 😉

BodyPart-5

A me scrivendo è già venuta l’acquolina in bocca…spero di avere il tempo questo week end di provare la ricetta di Antonella, diversamente sappiate che sono sempre ben disposta a fare da assaggiatrice.
Buon gustoso week end a tutti!