Una casa a misura di bambino, oggi si può!

Come deve essere una casa per essere a misura di bambino? A volte bastano pochi accorgimenti per rendere uno spazio adatto ad accogliere (e stimolare) i più piccoli, ma spesso, senza l’aiuto di personale esperto, è facile perdere la via e non sapere da che parte muoversi.

Proprio per venire incontro alle esigenze di quei genitori che “vorrebbero ma non sanno come” che vengono proposti questi incontri formativi/informativi all’interno degli appartamenti delle persone interessate.

Mi spiega Daniela Scandurra, presidente di Melograno Trento “L’idea di creare un servizio che aiuti a concepire spazi a misura di bambino è stata la naturale conseguenza delle tante richieste che ci arrivavano in sede. Abbiamo provato a proporre incontri comuni ma ci siamo accorti che le esigenze di ognuno sono così diverse che era impossibile parlarne in modo generale. Quindi abbiamo creato questo servizio di home-visiting che prevede alcune visite da parte di un esperto montessoriano in casa, con l’obiettivo di affiancare i genitori per promuovere la loro capacità di prendersi cura del proprio bambino attraverso l’organizzazione dell’ambiente quotidiano.”

casa-montessori

Già in poche parole Daniela mi spalanca un mondo: tutti noi possiamo dar vita a piccoli accorgimenti assolutamente banali… una volta che qualcuno te li fa notare. Come ad esempio mettere una brocca con un bicchiere su un tavolino basso, in modo che un bambino possa servirsi da solo tutte le volte che ha sete, senza dover richiedere sempre l’intervento di un adulto.

Il mio più grande dubbio è “anche una casa piccola può diventare una casa a misura di bambino?” così le sottopongo le mie perplessità.  Vengo subito rassicurata “non importa quanto sia grande una casa, l’importante è che in ogni ambiente venga soddisfatto il suo bisogno di muoversi, esplorare e scoprire.”

Una casa a misura di bambino è una casa in cui viene stimolato il suo bisogno di indipendenza e in cui ogni cosa ha il suo posto perché come ci insegna Maria Montessori l’ordine esterno aiuta a mantenere anche un ordine interno.

Ma come si svolgono questi incontri? Prima di tutto il progetto è suddiviso in 3 momenti ben distinti.

  • Nel primo c’è l’osservazione della casa e della famiglia, si raccolgono esigenze e bisogni e si valutano le possibili mosse;
  • nel secondo incontro ci si presenta con una proposta concreta di riorganizzazione della casa e se ne discute con la famiglia;
  • nell’ultimo incontro, a distanza di qualche tempo si verifica quanto è stato fatto.

Daniela ci tiene a specificare che vengono sempre dati consigli e che al genitore rimane la più totale libertà di movimento, perché, come ognuno di noi sa benissimo, ogni situazione è a sè e le soluzioni vanno adeguate alle più diverse esigenze familiari e personali.

Un servizio davvero utile, consigliato soprattutto a tutti i genitori di bambini fino a 6 anni; il periodo dei grandi cambiamenti in ogni famiglia!

Per maggiori informazioni: 3404861156.

Per la foto in copertina si ringrazia Joice Preira, la foto l’ha fatta lei alla sua bimba nella sua cameretta. A me è piaciuta tantissimo!

2 CommentiLascia un commento

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *