Sarnacli Mountain Park: scoperta e avventura

Ecco un altro bellissimo parco pensato per le famiglie e i bambini sull’ Altopiano della Paganella, ad Andalo, all’interno del meraviglioso Parco Naturale Adamello Brenta: il Sarnacli Mountain Park in Località Plan dei Sarnacli. Lo si raggiunge in poco meno di un’ora da Trento, arrivati ad Andalo seguite le indicazioni per Via Pradel e poi per lo Chalet Plan dei Sarnacli e per il capitello votivo dedicato alla Madonna di Loreto.  Troverete un parcheggio gratuito e da lì potrete partire per questa simpatica avventura. Invece, per chi volesse farsi una semplice passeggiata partendo da Andalo, allo svincolo di via Pradel (avrete il supermercato Coop sulla destra) proseguite dritti per pochi metri e lungo la strada sulla sinistra troverete da parcheggiare, attenzione che alcuni parcheggi sono privati. Proseguite a piedi prendendo la strada in salita, continuate a salire tra le case, troverete presto una strada forestale che vi porterà nel bosco,  è conosciuta anche come percorso “via Crucis”. Terreno adatto ai passeggini da trekking.

E’ ora di scoprire cosa ci aspetta, di che cosa si tratta?
A darvi il benvenuto un grande arco in legno che indica l’inizio del percorso, 13 postazioni dove bambini e anche adulti potranno divertirsi a scoprire sotto forma di gioco caratteristiche e curiosità di questa zona, gli animali che ci abitano, le imponenti montagne che sovrastano, escursioni da fare, profumi e colori delle nostre meravigliose Dolomiti di Brenta.
Partiamo con un percorso tattile da fare a piedi nudi su sassi, cortecce, pezzi di legno (sentieri)
Poi arriviamo a Selvapiana, la zona dell’orso con un simpatico orso da “manovrare” e un grande memori in legno per scoprire e memorizzare diversi animali e piante
E’ il momento della nostra prima arrampicata sul Piz Galin, che ne dite di mettervi alla prova su questa parete in legno?
Proseguiamo poi sul Croz dell’altissimo, la storia dell’alpinismo: in questa tappa bambini e ragazzini potranno divertirsi a scalare questa montagna di corde colorate.
Passiamo poi alle postazioni 5, 6 e 7 rispettivamente Il Sas del Clamer dove provare a costruire il nostro omino di pietra, Malga Spora , l’habitat della prateria e il Fibion, l’habitat della roccia.

Eccoci arrivati a metà del percorso, forse uno dei punti più belli: il Grostè, un anfiteatro di suoni. Qui i bambini possono dar spazio alla loro musicalità e creatività, “componendo” allegre melodie.
Altra tappa che di certo i vostri bimbi proveranno più di una volta è quella del Brenta Centrale, pronti per la ferrata? Qui potranno simulare sotto forma di gioco una vera ferrata, camminando sospesi su una corda o arrampicandosi su una parete.
Attraverso il bosco scorgiamo da lontano la nostra prossima tappa… “in rifugio”, una bellissima riproduzione in miniatura dei Rifugi Tosa e T. Pedrotti, luoghi indispensabili per le lunghe escursioni di più giorni.
 Da una finestrella i bambini notano subito la prossima stazione, decisamente la più gettonata, un lungo e velocissimo scivolo posizionato su un “ghiaione” come al Rifugio Croz dell’Altissimo, l’habitat dei ghiaioni (foto di copertina). Ed infine ecco le ultime postazioni, occhi chiusi e narici aperte per annusare i profumi del bosco e indovinare di che cosa si tratta e alla fine un simpatico crucibosco da completare insieme per scoprire il vero tesoro del bosco!
Il Sarnacli Park ci è davvero piaciuto: una semplice passeggiata alla portata di tutti, tanti giochi originali e curiosi costruiti con materiali e tecnologie innovative a basso impatto ambientale, un’ampia zona verde dove poter correre e giocare liberamente e dove poter fare un pic-nic oppure, per chi preferisce mangiare comodamente trovate lo Chalet Pian dei Sarnacli.
Se siete ad Andalo una sosta d’obbligo è di certo l’ Andalo Life, un grande parco per famiglie che raccoglie più di 30 attività all’aperto e al coperto su un totale di 13 ettari di estensione!