Che cos’è l’immaginazione? Che differenza c’è tra l’immaginazione e l’immaginario? Queste sono le domande che Stefano Alves Scarparo, ideatore di Kidsonthetree si è posto e continua a porsi ogni volta che sceglie e introduce un nuovo gioco.

L’immaginazione è una creazione della mente. È la capacità della mente di ognuno di noi di creare immagini partendo da un’attività del nostro cervello.
L’immaginario invece è l’insieme delle immagini in cui è avvolta la nostra mente cioè, passatemi l’espressione, è un “piatto pronto” per il nostro cervello.

Il punto è che nella nostra società sempre più social e mediatica, l’immaginario di ognuno di noi è molto sollecitato e spesso “completo”, e c’è da chiedersi se questo aiuta veramente lo sviluppo. In quanto padre, oltre che titolare di un marchio che propone giocattoli, ha deciso di provare e di sperimentare per capire il potere dell’immaginazione e dell’immaginario. Come? Regalando alle sue bambine alcuni giochi definiti “destrutturati”: giochi aperti, liberi che offrono molte possibilità di utilizzo, iniziando poi ad osservarle per capire come si muovevano di fronte a questo tipo di offerta.

Stefano ha notato che all’inizio hanno effettuato giochi semplici, ma che con il passare del tempo invece la complessità degli scenari, dei personaggi, dei paesaggi e della combinazione di più materiali aumentava. Questo percorso lo ha affascinato: creazioni di casette o navicelle del tempo e anche aggiunta di materiali di riciclo hanno avuto la meglio. Secondo Stefano però non sempre immaginazione batte immaginario e a provarlo sono stati un’altra volta i comportamenti delle sue bambine: quando iniziano a giocare dopo un periodo di esposizione alla televisione più lungo delle loro abitudini, i giochi liberi sono impregnati di personaggi televisivi e delle loro storie. I racconti e gli scenari sono un po’ una ripetizione del cartone animato e l’immaginazione ci mette un po’ più di tempo per liberarsi e creare delle storie più fantastiche e più creative.

Tutti sappiamo che le tecnologie e i social media ci stanno aiutando e facilitando in moltissime attività ma, come sempre, spetta a noi adulti dosare e calibrare il giusto mix tra evoluzione e tradizione. E così anche negli insegnamenti ai nostri figli, nella scelta dei giochi e delle loro attività di svago, dobbiamo sempre tenere presente oltre che alle nostre necessità anche le loro preferenze e soprattutto la necessità di trovare qualcosa che stimoli il loro pensiero critico e la loro attività creativa.

In questo il catalogo Kidsonthetree è la trasposizione del pensiero del suo creatore, dove si trovano tantissime proposte legate allo sviluppo dell’immaginazione. QUI potete sfogliare tutte le proposte e scegliere quello che fa al caso vostro.