Io amo i fiori petalosi! E tu?

Mobilitazione in rete: il piccolo Matteo ha ottenuto il benestare niente meno che dall’accademia della Crusca: se Petaloso, verrà usato e compreso da tantissime persone entrerà di diritto nella lingua italiana e quindi nel vocabolario corrente.

In questi giorni quindi la rete è un tripudio di petali e fiori, sarà che la parola piace, sarà che Matteo ispira subito simpatia, sarà che c’è una gran voglia di primavera, sarà quel che sarà poco importa, la cosa importante è che sono bastate una manciata di ore e “petaloso” è diventato in termine di uso comune. 

E a voi quante volte vi è capitato di correggere vostro figlio perché usava una parola inventata? Magari stava solo precedendo i tempi, forse un domani, quella parola che vi ha fatto tanto ridere, entrerà nel linguaggio comune e poi nel vocabolario!

Gaia una volta ha detto, riferita alla nostra gatta “Rey non la smette di fusare” chissà che un giorno anche altre persone non si rendano conto che fusare è più immediato di “fare le fusa” noi aspettiamo, e intanto, per non sbagliare ogni tanto lo buttiamo li in qualche frase!

Già, perché la lingua italiana è in continua evoluzione alcune parole troppo arcaiche vengono accantonate, non sentirete mai qualcuno dire ad esempio “Il fato è stato così magnanimo con me che mi ha omaggiato di una straordinaria facondia che mi permette di favellare con garbo in ogni contingenza!” Altre invece entrano di prepotenza nella quotidianità perché sono talmente belle da farti pensare “ma come ho fatto finora senza?

Per questo potrebbe capitare di sentirmi dire una cosa del genere “per la festa della donna regalatemi un fiore petaloso; le mimose mi mettono tristezza!” Anzi no, magari fiori a me non regalateli che come li spetalo io nessuno mai!

E’ proprio in caso di dirlo, le parole per crescere, devono essere innaffiate come i fiori. e mai come in questo caso, visto che il termine “petaloso” si riferisce proprio ai fiori, il paragone è mai stato più azzeccato.

E voi? I vostri figli hanno mai usato parole che vi hanno fatto pensare “che peccato che questa parola non esista davvero!

 

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *