Teatro ragazzi a Lavis: un ricco programma!

Manca davvero poco all’inizio della stagione teatrale per ragazzi all’Auditorium Comunale di Lavis e sbirciando il programma… ci aspettano tante belle proposte interessanti!

Questa stagione parlerà con tono leggero e divertente della differenza tra popoli e razze; continua con un esuberante racconto natalizio e con una versione della storia di “Biancaneve” tutta al femminile! Poi si entra nel mondo di Jack alla ricerca del suo fagiolo magico, sperando di scoprire la ricetta della “pasta e fagioli”. La conclusione degna di nota parla della musica e sul palco scenico ci sarà Luciano Gottardi e l’Orchestra Haydn!

Scopriamo nel dettaglio le date e gli appuntamenti:

31 ottobre | Orchi - La storia di Bedalia e Gelsomino
31 ottobre ore 17.00 | Orchi – La storia di Bedalia e Gelsomino di e con Daniele Debernardi

Una antica leggenda narra che un tempo la terra era popolata dagli orchi. Essi erano esseri umani ma con fattezze animalesche per cui brutti a vedersi. I loro volti sembravano esprimere sofferenza; i loro corpi tozzi e deformi, con accentuate gobbe li rendono spaventosi.

Per tali motivi gli esseri umani “normali” avevano paura di loro ed è per ciò che gli orchi vivevano nascosti nella foresta e nelle caverne.

Anche gli orchi avevano paura degli uomini poiché erano loro preda … un po’ come avviene tra animali selvatici e cacciatori. L’incontro tra le due razze dunque era sempre una sfida: tutti cercavano di fuggire il nemico ma, se costretti, combattevano.
Ora, la nostra storia, racconta dell’esistenza di una orchessa che per magia diventa una bellissima fanciulla quando cala il sole. Bedelia, questo è il suo nome, vive nel quotidiano conflitto di essere amata e odiata al tempo stesso sia dagli orchi che dagli uomini.
È un bel guaio poiché deve sempre nascondersi sia di giorno che di notte a seconda di dove si trovi. Peggio di essere un’orca, oppure una fanciulla, è non essere veramente né l’una, né l’altra. Chi potrà mai amarla conoscendo questa sua segreta metamorfosi? Raccontiamo questa storia per affrontare in modo sobrio ma leggero il tema della diversità tra i popoli e le razze. La non conoscenza di abitudini nelle culture comporta la paura del prossimo.
Gli orchi della nostra storia sono identici agli esseri umani … solo diversamente brutti … è la paura che può arrestare la voglia di conoscere e ciò vale per ognuno di noi.
Lo spettacolo, allegro e divertente, realizzato con grandi pupazzi e scenografie in continuo movimento è adatto un pubblico di famiglie.

Costi:

  • intero 5 euro
  • ridotto 3 euro
8 dicembre | Bobo, Babbo e il mistero di Natale
  8 dicembre ore 17.00 | Bobo, Babbo e il mistero di Natale di Giorgio Rizzi con Giorgio Rizzi e Roberto Scala

Uffa! Quanti regali vogliono i bambini di tutto il mondo! E Babbo Natale si è preso il raffreddore, come farà a costruire tutti quei giocattoli in tempo per la notte del 25 dicembre? Bisogna chiedere aiuto a qualcuno… Ma certo! basta chiamare Bobo, è lui che ogni anno dà una mano al vecchio Babbo e anche questa volta non si tirerà indietro. Ma come fare per trovarlo?

Babbo Natale decide di inviare in avanscoperta un’ agente segretissimo goloso di sardine. Riusciranno un clown pasticcione e un gatto scombinato a far felici anche quest’anno i bambini di tutto il mondo?

Costi:

  • intero 5 euro
  • ridotto 3 euro
27 Dicembre | Biancaneve

27 Dicembre ore 17.00 | Biancaneve di Massimo Lazzeri con Laura Mirone e Adele Pardi

Una volta, nel cuore dell’inverno,

mentre i fiocchi di neve cadevano dal cielo come piume,

una regina cuciva, seduta accanto a una finestra dalla cornice d’ebano.

Inizia così la fiaba di Biancaneve, nella trascrizione originale dei fratelli Grimm; ed è in quest’atmosfera, di una regina che cuce seduta accanto alla finestra, in questo tempo da “C’era una volta…”, tempo lontano, dal sapore medievale, che vogliamo trasportare i bambini, in un passato magico e rarefatto, dove il piano della magia e quello della realtà si confondono, o forse, addirittura, coincidono.

In scena due attrici interpretano la regina e Biancaneve, la superbia e l’umiltà, la prepotenza e la generosità, l’oscurità e la luce. Due infatti sono le protagoniste o, meglio, come direbbe Vladimir Propp, una protagonista e un’antagonista, in un delicato e spietato gioco di equilibri, nel quale una risulta opposta, se non complementare, all’altra.

Uno spettacolo al femminile, dove tutti i personaggi maschili sono un contorno allegro, compassionevole, tenero e romantico: i sette nani sono presentati sotto forma di pupazzi, il cacciatore e il principe come ombre cinesi. La scenografia, anch’essa un po’ magica e valorizzata da un minuzioso studio delle luci, cambia forma in modo inaspettato e si trasforma in armadio, castello, bosco, casetta dei nani,…

La musica e le canzoni originali cantate dal vivo completano il quadro di questa nuova-vecchia versione di Biancaneve, nella quale non solo realtà e magia, ma anche passato e presente si intrecciano, come trama e ordito di un unico tessuto o, meglio, di un tessuto unico.

Costi:

  • intero 5 euro
  • ridotto 3 euro
18 marzo | Fagioli

18 marzo ore 17.00 | Fagioli di e con Giacomo Anderle e Alessio Kogoj

Pasta e fagioli: una ricetta antica, di cui si ignora l’esatto “luogo di nascita”, ma di cui ognuno custodisce la ricetta vera e originale. Così è per le fiabe, nate non si sa come, non si sa dove, costante alimento dell’immaginario di grandi e piccini….Anche Eso e Fedo, due orfanelli , sono cresciuti a fiabe e favole, scoprendo in esse fondamentali insegnamenti per la vita. E così, manco a dirlo, può succedere che i fagioli del piatto si mescolino a quelli della fantasia, dando vita ad un racconto che, se non riempie proprio la pancia, di sicuro scalda i cuori…

(Lo spettacolo è basato sulla celebre fiaba inglese “Jack e il fagiolo magico”)

Costi:

  • intero 5 euro
  • ridotto 3 euro
25 marzo | Il piccolo Ignazio e il genio della musica

25 marzo ore 17.00Il piccolo Ignazio e il genio della musica con Luciano Gottardi e l’Orchestra Haydn

Tutto solo nella sua cameretta il piccolo Ignazio è alle prese con un difficile solfeggio. Sa che domani il professore di musica lo interrogherà di fronte a tutta la classe e se non sarà in grado di solfeggiare correttamente, lo chiamerà alla cattedra e …come al solito gli dirà: “Ignazio, proprio non sei portato per la musica. Tu la musica non la capisci. Vai al posto e studia!”.

“Ci vorrebbe un genio”, pensa Ignazio e, come per magia, quello appare…

Costi:

  • intero 5 euro
  • ridotto 3 euro

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *