Problemi con la spesa? Ci pensa AGSAT!

Dite la verità: quante volte vi è capitato di aprire il frigo, proprio a ridosso della cena e vedere una distesa artica di vuoto. Presenti all’appello solo una confezione di latte e 3 lattine di birra che no… non sono l’ideale per la cena di un bambino. Nei pensili la stessa desolazione; sono in quei momenti che con aria giuliva dite ai vostri bambini “Oggi giornata speciale, si fa la cena-colazione con il latte e biscotti!”

Da oggi non più! La cooperativa AGSAT (di cui abbiamo già parlato poco tempo fa per la raccolta dei tappi di bottiglia)  ha dato vita ad un servizio davvero utilissimo per tutte noi mamme super indaffarate, ma anche per tutte quelle persona che, per vari motivi, hanno problemi con le commissioni fuori casa: fare la spesa appunto, o andare in posta, a prendere il giornale o per portare a passeggio il cane.

12025280_10207514475761635_428382845_n

La cooperativa da sostegno a ragazzi che presentano lo spettro autistico e questa iniziativa ha un grande valore per tutti loro: da una parte crea una rete sul territorio in cui sono parte attiva; rendersi utili e compiere (seguiti sempre da personale qualificato) piccole attività aumenta la loro autostima e le loro competenze, dall’altra ha un ruolo educativo per tutto il nostro tessuto sociale in cui le persone con disabilità vengono troppo spesso emarginate.

Mentre mi raccontava tutto questo, non potevo fare a meno di elencare mentalmente tutte quelle piccole commissioni in cui avrei davvero bisogno di una manola spesa, così da non ritrovarmi all’ora di cena con una bustina di zafferano e una scatola di lenticchie, andare in posta, che ogni volta devo trovare il coraggio per affrontare file e impiegate; e poi vogliamo parlare dell’estate? Vuoi mettere avere qualcuno, con cui nel tempo si è creato un rapporto di fiducia, a cui chiedere di passare ogni giorno a dare da mangiare e fare compagnia ai miei gatti?

Sono tantissime poi le persone con limitate possibilità di movimento che potranno “sfruttare questo servizio” sarà anche un modo per far sentire le persone meno sole.

Che dire deve ancora partire ma io già lo amo!

Le zone coperte all’inizio saranno Gardolo e dintorni… poi si vedrà, ma secondo me molto presto il loro giro si allargherà tantissimo… o almeno è quello che mi auguro!

2 CommentiLascia un commento

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *