Sulla meravigliosa Alpe di Villandro

Ci piace questo lungo autunno caldo! E dopo la splendida passeggiata a Velturno (continuano i “torggelen”, da non perdere!), siamo tornati in Val d’Isarco uscendo a Chiusa. Perché in questa zona meravigliosa ci sono ancora un sacco di rifugi e malghe aperte e noi vogliamo gustarci il sole fino alla fine. Per arrivare al parcheggio (a pagamento, 4 euro al giorno) dovete salire per 15 chilometri circa, fino a 1750 metri d’altitudine, seguendo le indicazioni Villandro – Alpe di Villandro e poi Gasser Hütte.  Già sulla strada capirete in che luogo magico siete finiti, con tanti rifugi da raggiungere a seconda delle diverse esigenze.

Chi ha bimbi piccoli può subito fermarsi al Gasser Hütte , aperto da ottobre fino a giugno tutti i giorni, tranne il lunedì (poi d’estate è sempre aperto). Noi ci siamo avviati in direzione Stöfflhütte, che si raggiunge con  una bella passeggiata di un’ora e mezza circa (due ore con i bambini): prevalentemente pianeggiante, ha un tratto di salita finale assolutamente fattibile. Si cammina a fianco della strada forestale (che d’inverno si trasforma in pista per gli slittini!), in mezzo ad un suggestivo paesaggio dominato dalle piante di mirto.

DSC_1239
L’Alpe è bellissima, con il lontananza costantemente maestose cime a farci compagnia, dal gruppo delle Odle, al Sella,per finire con il Sassolungo e il Sassopiatto, che tante emozioni ci hanno regalato quest’estate.
DSC_1241
Dopo venti minuti circa Moir-in-Plun Hutte, aperta da metà maggio a novembre (info 335474625), una bella baita in posizione soleggiata con giochi per bambini e una gustosa cucina.
DSC_1305
Sulla strada troverete anche le indicazioni per il rifugio RinderPlatz ( tel. 3351438245), raggiungibile dal parcheggio iniziale in un quarto d’ora.

DSC_1323DSC_1320
Se dovessi scegliere tra i due probabilmente sceglierei questo, fosse altro che per i tantissimi giochi per i bambini, sia sul prato davanti che dietro nel bosco. Ma mi sa che entrambe sono delle buone scelte. Qualunque sia la decisione, vi consiglio di compiere il giro ad anello e magari fermarvi nell’altra struttura per fare merenda! Se invece le due ore di passeggiata non vi spaventano seguite il mio consiglio e dirigetevi direttamente allo Stöfflhütte, rifugio a poco più di 2000 metri con splendida vista, ottima cucina e qualche gioco per i bambini in un’atmosfera deliziosa.
DSC_1290
Le foto sono di qualche giorno fa e davvero eravamo lassù con le maniche corte o con la maglia leggera, incredibile un tempo così in quota.
DSC_1287
Anche il cibo è ottimo: noi abbiamo mangiato una cotoletta con patate rollate strepitosa e un dolce a base di castagne sublime.
DSC_1275
Il menù offre proposte per tutti i gusti, con le porzioni più piccole anche per i bambini.  Il rifugio è aperto fino a domenica 9 novembre, per riaprire poi il 19 dicembre per la stagione invernale (chiusura solo il lunedì). Si può raggiungere con le ciaspole e non osiamo immaginare che splendore deve essere questo paesaggio immerso nella neve! Torneremo di sicuro!

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *