Sull’Alpe di Barbiano

È gemella dell’Alpe di Villandro, ma molto meno famosa e per questo ancora genuina. Stiamo parlando dell’altipiano che si trova sopra il paese di Barbiano, a quota 2000 metri, sotto il famoso Corno del Renon.

Si sale da Chiusa per una mezz’ora, oltrepassando il paese di Barbiano e proseguendo per altri 7 chilometri fino al parcheggio (non a pagamento) Huber Kreuz, ai piedi dell’alpe. Qui c’è un chiosco molto carino per prendere qualcosa alla partenza o quando si torna alla macchina. Per arrivare alla Platzer Alm bisogna le indicazioni per il sentiero numero 4. Le indicazioni fanno un po’ di confusione citando ogni tanto nomi diversi, come il Corno del Renon. Voi seguite fiduciosi il numero 4. Un’ora e mezza circa, 400 metri di dislivello.

Attraverserete per la prima parte il bosco, ma mano a mano che salite gli alberi si faranno più radi lasciando il posto ad ampi prati con deliziose baite in legno e pietra. E poi sempre evidenti nella loro bellezza le cime dolomitiche, tra cui il Sella, il Sassolungo e il Sassopiatto. Incontrerete cavalli in libertà, mucche e asini. Uno splendore.

La Platzer Alm è l’unico punto di ristoro, le altre malghe indicate sono private. Struttura genuina aperta da una decina d’anni, attende da primavera ad autunno inoltrato i visitatori. Molto panoramici i tavoli all’esterno, carino e confortevole l’ambiente interno.

QUANTE DELIZIE!

Qui si mangiano le specialità altoatesine, con ottimi prezzi e materie prime. Noi abbiamo assaggiato i canederli, sia al formaggio che ai funghi porcini e agli spinaci. S possono scegliere di un tipo solo o con il tris che permette di assaggiarli tutti. Con il burro o in brodo. La malga ha le proprie mucche, quindi il burro, il latte e gli altri prodotti caseari usati in cucina sono proprio i loro.

Come secondi ci sono le costine, gli stinchi di maiale, uova con speck e patate. Impossibile non lasciarsi tentare dalle torte preparate in casa dalla moglie di Helmut (questa foto con i lamponi e la crema, ma c’era anche quella al cioccolato o al grano saraceno)…

… e dai tipici krapfen di Barbiano ripieni di marmellata di prugne o lamponi.  Buonissimi, potendo fateveli scaldare un po’.

Sul retro della struttura ci sono dei giochi per i bambini, semplici ma carini, mentre i bagni sono nella parte inferiore.

La malga è aperta tutti i giorni da maggio (dipende dalle condizioni meteo e dalla neve) fino a fine ottobre. Nel mese luglio e agosto è aperta fino alle ore 19, altrimenti fino alle 17. Info: 338.9962887.

Per il ritorno abbiamo deciso di percorrere la strada forestale, sterrata ma fattibile anche con i passeggini. Comoda alternativa anche per chi vuole salire più gradualmente.

Si arriva anche dalla località Tre Chiese o prendendo la funivia fino al Corno del Renon e scendendo in una mezz’ora.

Altre passeggiate nei dintorni:

0 Condivisioni