Tag > cani da slitta

Malga Millegrobbe

*Aperta tutti i giorni dal 18/04 al 05/05 e dal 15/06 al 30/09, nei restanti periodi siamo sempre aperti nei week-end, è gradita la prenotazione. Info: 348 7476813*

Struttura che si trova nell’omonima località dell’Alpe Cimbra, facilmente raggiungibile sia da Lavarone che da Caldonazzo passando per la Strada del Menador. Si trova sulla destra dopo aver oltrepassato l’abitato di Luserna, dispone di un ampio parcheggio e offre una buona cucina tipica trentina, in alcuni casi rielaborata e rivisitata. Nell’adiacente malga è possibile pernottare in un esercizio rurale. E’ l’ideale punto di partenza per facili escursioni adatte alle famiglie, con modesto dislivello (alcune percorribili anche con passeggini strutturati). Il percorso si snoda su grandi distese di pascoli e tratti di bosco dove troverete da metà giugno in poi tantissime mucche che pascolano liberamente. In un quarto d’ora è possibile raggiungere Malga Millegrobbe di Sopra e conoscere il malgaro Gino, che durante il periodo estivo scende nei pressi del ristorante per mostrare ai bambini come si produce il formaggio.

Noi ci siamo stati nel febbraio 2016, lo abbiamo raccontato in questo post!!

Per maggiori informazioni:
+39 348 747 6813
 info@malgamillegrobbe.it
www.malgamillegrobbe.it

Una favolosa giornata alla Malga Millegrobbe!

Il meteo non era particolarmente favorevole ma a noi che importa? Intrepide come pochi altri la mia amica Giorgia (ma mia mitica fotografa!) e io abbiamo deciso di tenere i bambini a casa da scuola (fortuna che sono ancora alla materna e non è un problema) e siamo andati alla Malga Millegrobbe a Lavarone (direzione Folgaria ad un’ora di strada da Trento) per passare una bella giornata sulla neve.

Nonostante il cielo un po’ nuvoloso, la temperatura era assolutamente gradevole e il panorama… beh che dire? Sterminate montagne innevate, silenzio e una pace immensa. In questi luoghi si viene per innamorarsi e lasciare un pezzo di cuore quando si torna a casa.

20160223_120010

Con i nostri bob al seguito abbiamo cercato un bel posto in cui fermarci per fare un pupazzo di neve e slittare e, dopo aver superato uno steccato, camminato in mezzo metro di neve (ho le gambe più magre ora, ne sono certa!) e attraversato una pista da fondo la abbiamo trovata: una bellissima collina immacolata!

IMG-20160223-WA0013

Abbiamo costruito pupazzi di neve, slittato, bevuto tea caldo e chiacchierato… finché colti da un violento attacco di fame abbiamo deciso di pranzare alla Malga Millegrobbe con un tipico menù Trentino: tagliere con tortel di patate di affettati per me, polenta con formaggio fuso e funghi Giorgia, canederli e pasta al ragù per i bimbi. Il prezzo non è particolarmente basso ma le porzioni sono davvero abbondanti!

millegrobbe

Dopo pranzo la sorpresa: è comparso il sole! Sedute sulle sdraio sul terrazzino della malga ci siamo godute il caldo mentre i bambini giocavano nel piccolo parco giochi.

IMG-20160223-WA0015

Alle 16.00 abbiamo ripreso la macchina per tornare verso casa ma il sole era ancora alto nel cielo: se decidete di passare qui la giornata potrete contare su parecchie ore di luce!

IMG-20160223-WA0002

Amanti dell’avventura e dei cani? Non potete perdervi lo Sleddog ! L’emozionante giro sulla slitta trainati dai cani!
 

Sulla slitta trainata dai cani

05.01.2014 Quante emozioni oggi! Non ci siamo fatti scoraggiare dalla pioggia battente e stamattina siamo partiti da Trento, direzione Val di Ledro e precisamente Passo Tremalzo (da Ledro si prosegue verso Storo e all’albergo Ampola si gira a sinistra e poi su per una decina di chilometri). Al Rifugio Garibaldi ci aspettavaMaurizio Cattafesta che con Athabaska ha realizzato un sogno. Il suo e quello di chi, grazie all’attività che ha messo in piedi assieme al fratello Lorenzo, ha la possibilità di vivere un’esperienza unica: essere trainati in mezzo alla natura dagli alaskan husky!

Il nostro coraggio è stato subito premiato, infatti a pochi chilometri dalla meta la pioggia si è trasformata in una neve magica, con fiocchi enormi. Il tempo di familiarizzare con i cani (super affettuosi con i bambini ed ognuno con un carattere diverso: chi più bisognoso di attenzioni, chi desideroso di partire al più presto…uno più bello dell’altro!) ed è cominciata l’avventura. Maurizio ci ha spiegato un po’ cosa avremmo fatto, la nascita di Athabaska, la sua quotidianità con gli animali, ed è stato subito evidente il suo feeling con loro, basato sul rispetto e su un amore profondo. Sophie, Timothy e Nori erano incantati!

Dopodiché siamo saliti sulla slitta (massimo un adulto e due bambini) e via veloci sotto la neve! In mezzo ad un paesaggio davvero incantato…un fantastico manto di neve fresca, nessuna persona oltre a noi, la quiete del bosco interrotta solo a tratti dalle indicazioni ai cani del musher (conduttore di slitta). Due le località dove si può effettuare lo sleddog con Athabaska: tutti i giorni a Madonna di Campiglio (nella piana di Nambino) e al Rifugio Garibaldi durante le festività ed il sabato e la domenica. Sarà di certo bellissimo anche a Campiglio, ma a noi è piaciuto tanto questo posto così poco frequentato dal turismo di massa! Ci sono comunque diverse possibilità: l’escursione nel bosco di una mezz’ora comodamente seduti nella slitta trainata da otto husky oppure un piccolo corso di due ore in cui si può imparare a condurre la slitta (anche i bambini, dai sei anni circa in su) trainata da alcuni cani. Poi per chi vuole avvicinarsi di più a questo mondo ci sono poi anche dei corsi veri e propri. Chiedete a Maurizio e vi darà tutte le informazioni: 333.1328490. I costi? Per le escursioni 25 euro i bambini e 35 gli adulti, i corsi di guida di due ore circa invece 80 euro. Maggiori informazioni QUI.

Come capita per tutte le esperienze emozionanti non si riesce poi tanto a raccontarle…bisogna viverle . Sophie ha anche imparato un po’ a guidare la slitta e il suo sorriso felice quando è scesa diceva molto di più di tante parole!

Abbiamo mangiato al Rifugio Garibaldi (molto carino e ben curato, ci sono anche graziose stanze in cui dormire) e tra stinchi di maiale, polenta, grigliata mista e buonissimi dolci fatti in casa – tra cui un’ottima crostata di marroni – abbiamo reso felice anche la nostra pancia. Per finire la splendida giornata abbiamo slittato, costruito il superpupazzo di neve Gino ed effettuato anche una breve passeggiata (molto bella anche con le ciaspole) nei dintorni. Si può chiedere di più? Beh, il Trentino è anche questo: grazie Maurizio e a presto!