“Riemergere2”: per dar voce al territorio

In questo particolare periodo storico determinato dalla pandemia, si avverte il senso di precarietà e di preoccupazione per il futuro, per il quale tutti si stanno impegnando a mettere in campo risorse e nuove strategie per affrontare il post-Covid. L’Agenzia per la coesione sociale della Provincia Autonoma di Trento, a due anni di distanza dalla prima edizione del questionario “Riemergere”, ha ritenuto fondamentale tornare a dare voce alle famiglie, ai giovani e ai bambini per riuscire a capire le criticità che stanno vivendo durante questo tempo pandemico e individuare possibili strategie di intervento. 

A partire dall’8 marzo 2022 fino al 3 aprile 2022, su tutto il territorio trentino, prenderà avvio la somministrazione online di 3 questionari, rispettivamente rivolti a bambini/e tra i 5 e 8 anni; a giovani tra i 9 e 19 anni; ad adulti con più di 20 anni. All’interno del questionario per la popolazione adulta è prevista una sezione dedicata ai genitori di bambini/e tra 0 e 4 anni, al fine di rilevare l’impatto della pandemia sulla prima infanzia. I questionari sono anonimi e conformi al rispetto della privacy e saranno disponibili sul sito www.trentinofamiglia.it e sul sito www.fdemarchi.it, nello specifico:

*un questionario rivolto ad ADULTI con più di 20 anni

https://forms.gle/k752QKDw5raMqUmR8

* un questionario rivolto a BAMBINI/e tra i 5 e 8 anni

https://forms.gle/vCKeFfK25Gs8BHMh9

* un questionario rivolto a GIOVANItra i 9 e 19 anni

https://forms.gle/bVsTJQ6tL6ri4vuW7

Individua il tuo questionario e vai al link, la compilazione richiede pochi minuti.

L’assessore provinciale Stefania Segnana ha commentato l’iniziativa che nell’edizione precedente ha riscosso ampie adesioni in tutto il territorio: “Nel 2020  hanno partecipato all’indagine oltre 21.000 persone residenti in Trentino, di cui quasi 11.000 minori. Un segnale forte che ha permesso all’amministrazione provinciale di prendere coscienza delle istanze della popolazione e di ri-pensare alcune azioni sul territorio. Ora, grazie al questionario “Riemergere 2”, l’ente provinciale intende analizzare l’impatto a medio-lungo termine della pandemia sulla popolazione trentina per rilevare i bisogni e individuare le prossime strategie di intervento sul territorio. Questo lavoro, rispetto alla prima edizione, ha visto la regia dell’Agenzia per la coesione sociale della Provincia autonoma di Trento con il supporto scientifico della Fondazione Franco Demarchi, ma la partnership si è estesa anche ad altri enti territoriali, tra cui Ordine degli psicologi, Comitato Provinciale di Trento per l’UNICEF, Distretto famiglia dell’educazione di Trento e alcune organizzazioni del Terzo Settore”.

Il progetto è coordinato dall’Agenzia per la coesione sociale della Provincia autonoma di Trento con il supporto scientifico della Fondazione Franco Demarchi e con il coinvolgimento dell’Ordine degli psicologi, del Comitato Provinciale di Trento per l’UNICEF, del Distretto famiglia dell’educazione del Comune di Trento e di alcune organizzazioni del Terzo settore: A.M.A. Punto famiglie, APSP, Casa Mia, le cooperative Arianna, Progetto ’92, Kaleidoscopio e l’Associazione provinciale per i minori (APPM).

Dai questionari emergeranno informazioni relative al profilo socio-demografico e alle seguenti aree: benessere soggettivo, supporto sociale, stili di vita, tempo libero, emozioni, scuola, conciliazione lavoro/famiglia, carichi di cura e di lavoro. Una sezione  è dedicata alla rilevazione dei bisogni dei singoli intervistati ed ai servizi presenti sul territorio a supporto dei giovani e delle famiglie; nello specifico verranno indagate la conoscenza di specifiche tipologie di servizi, la fruizione e il grado di soddisfazione .

All’inizio dell’estate 2022 saranno resi noti alla popolazione i dati emersi e individuate possibili strategie per future proposte di interventi territoriali che prenderanno avvio nell’autunno 2022.

PER MAGGIORI INFORMAZIONI:

Fondazione Franco Demarchi

piazza Santa Maria Maggiore 7 – Trento

telefono: 0461 273741

e-mail: ricerca@fdm.tn.it

0 Condivisioni