Abbiamo incontrato Astrosamantha: che emozione!

Oggi Timothy ha scoperto l’emozione vera, quella che ti azzera la saliva e ti fa diventare il viso rovente e un pochino lo comprendiamo perché ha potuto parlare con un personaggio non solo famoso, ma anche straordinario: Samantha Cristoforetti. A Trento per inaugurare al MUSE il suo “Post Flight Tour”, ha tenuto una conferenza stampa a cui il Trentino dei bambini non poteva mancare perché in ogni bambino, secondo noi, c’è un po’ di Astrosmantha. Sì, perché che si sogni lo spazio, il cielo, un’aula di tribunale, una caserma dei pompieri o qualsiasi altra cosa la chiave è sempre quella: “Don’t panic!” (“Non avere paura!”) come ha scritto Samantha in dedica a Timothy sul suo libro. Bisogna osare e credere nei propri sogni e avere la determinazione di perseguirli. 12045674_10154244241318574_7104029866508687436_o
Cosa ha chiesto Timothy nella sua personale intervista che prevedeva un’unica domanda? Non facile decidere, ma alla fine è andata così: “Ciao Samantha, ho saputo che gli astronauti per andare nello spazio possono portare solo una piccola borsa. Tu cosa ci hai messo dentro?”.

Starete pensando che è banale, anche un po’ impicciona come domanda ma alla fine ci ha regalato quello che volevamo e cioè vedere questo personaggio incredibile, dall’aurea quasi magica, trasformasi in una di noi: che deve decidere cosa portarsi in viaggio e che sbaglia il quantitativo dei calzini ma che non dimentica di portare con sé, nella valigia piccola, quella grande “come una scatola di scarpe”, gli oggetti più preziosi. Pezzettini di vita e di ricordi che gli amici e i familiari le hanno consegnato un po’ per stare vicino a lei e un po’, lo avremmo fatto tutti, per avere poi di ritorno degli oggetti che hanno viaggiato nello spazio. 12068640_10154244241893574_6122091827344981531_o Ci piace il nuovo sorriso che spunta sul viso di Samantha alla domanda di Timohty, lei che da subito si rivela pacata ma molto professionale e sempre sul pezzo, nel rispondere a questo semplice quesito si scioglie un po’, batte le mani, regala grandi sorrisi e pure la notizia, che fa arrossire Timothy, che sarà proprio “un” Timothy (Peake n.d.r.) ad andare in missione spaziale prossimamente, un suo amico, dice lei. I casi della vita. IMG_3018
Non vogliamo stare qui a descrivervi tutte le cose tecniche, le cose importanti ed istituzionali che Samantha ha dichiarato in risposta ai tanti giornalisti presenti, ma vogliamo piuttosto regalare anche a voi l’immagine che rimarrà a me e Timothy negli occhi per sempre: una Samantha diciottenne che sfreccia per le vie di Trento a cavallo della sua bicicletta, perché sì, Samantha è trentina, ne è fiera, lo dice e ricorda i suoi studi in un liceo di Trento con piacere. Samantha bambina e ragazza trentina ci regala, com’è giusto che sia, la speranza che non sia il luogo in cui nasci a fare la differenza, ma che sia ciò che porti dentro di te, nel tuo cuore e nel tuo destino.IMG_2967
Una curiosità: Samantha si è definita una persona “poco nostalgica”, ma di una cosa sente spesso la mancanza: di “portare un aereo alla sua massima prestazione nel cielo”, perché Samantha è un pilota e da brava pilota ha fatto anche della sua vita un volo incredibile, portandola alla massima prestazione.

Grazie al MUSE, al Trentino dei bambini e ad Astrosamantha per averci permesso di vivere un’esperienza che porteremo con noi per sempre.

Un avviso ai fan e ai curiosi: domani Samantha sarà nel giardino del MUSE per parlare con il pubblico, dalle ore 18. Non perdete questa incredibile occasione e guardatela negli occhi: la sua determinazione vi colpirà. Consigli per una lettura a tema: “Uma, una chiocciola in orbita” di M. Aguzzi e A. Mariconti (Edito da Carthusia) con prefazione di Astorsamantha.

Foto: Matteo De Stefano

1 CommentoLascia un commento

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *