Dal Solasna alle Trincee passando nel bosco!

Cosa c’è di meglio di una bella passeggiata nel bosco per stimolare l’appetito? Se poi la passeggiata porta ad un posto magico come l’agritur Solasna non c’è niente da fare: tocca mettere gli scarponi e rimanere affascinati! Partendo Da Cis ( 50 minuti da Trento, il primo paese che si incontra subito dopo il cartello che indica l’inizio della Val di Sole – ma non ingannatevi, siete ancora in Val di Non) si può percorrere una bella passeggiata che in poco più di un’ora porta a San Giacomo e all’agritur Solasna.

Noi purtroppo, a causa di indicazioni sbagliate che ci hanno portato fuori strada, siamo riusciti a fare un giretto nei dintorni di Cis (tra l’altro godendo di una vista davvero spettacolare)

solasna (8)

prima di arrenderci e riprendere la macchina per arrivare a San Giacomo; l’ora di pranzo era ormai arrivata da un po’ e i bambini iniziavano ad avere davvero troppa fame per potersi godere appieno una passeggiata nel bosco. In compenso abbiamo capito da dove si parte: cercate l’inizio del cammino Jacopeo D’Anaunia segnato da una grande croce, è una strada asfaltata che passa in mezzo ai campi che in breve si trasforma prima in strada sterrata e poi in sentiero nel bosco.

solasna (5)

Arrivati al Solasna abbiamo fatto finalmente conoscenza con la mitica Nicoletta (impossibile non rimanere contagiati dal suo entusiasmo), Gaia e Samuel, che erano già stati qui, ci hanno presentato tutti gli animali presenti: il vitellino, l’asinello, i coniglietti e le gallinelle… E’ stato bello vederli muovere con la disinvoltura di chi si trova a casa propria… e qui al Solasna è così che si si sente: per una manciata di ore questo posto incantevole è un pochino tuo.

solasna (12)

arrampicata_palestraroccia_sassias_sangiacomojpgDopo un pranzo davvero spettacolare (Samuel si è mangiato ben 5 gnocchi di ricotta, e non stiamo parlando di gnocchetti ma palline da golf in versione commestibile – e buonissima) siamo partiti per la nostra passeggiata. Chiedete a Nicoletta, vi saprà indicare tutti i punti di partenza, noi siamo arrivati fino alla parete di roccia Sassias (perfetta anche per i bambini) che si trova a poche centinaia di metri sopra San Giacomo (raggiungibile anche in macchina).

Da qui parte il suggestivo sentiero nel bosco che in circa un’ora porta fino a Cis.

solasna (6)

Noi avevamo una meta ben precisa: le trincee (che come ho già detto quando siamo andati a vedere quelle sul monte Celva e il Sorasass ci affascinano sempre tantissimo), in questo caso si tratta di resti di trincee bianche (cioè mai utilizzate) da cui si gode una vista spettacolare sulla vallata sottostante.

solasna (26)

Purtroppo la giornata era davvero caldissima così abbiamo desistito e dopo la visita alle trincee siamo tornati al Solasna: impossibile resistere al richiamo della piscina che aspettava i bambini nel giardino!

solasna (36)

Un paio di sguazzi, uno sguardo ad un cielo che profumava di pioggia, la promessa di ritornare al più presto (Gaia si è letteralmente attaccata alla gonna di Nicoletta supplicandola di “tenerla un altro giorno a fare da cameriera”) e via per il rientro a casa.

solasna (11)

Simpatia travolgente, buona cucina, animali da coccolare e panorama mozzafiato non bastano per convincervi a fare un salto a trovare Nicoletta al Solasna? Allora vi dico un segreto: scaricate la nostra CARD gratuita, tutti i bambini fino ai 12 anni potranno avere il “Baby Piatto del Solasna” gratis: un piatto unico oppure un tris di primi a scelta tra il menù del giorno.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *