Famiglie numerose

Prima di elencare le agevolazioni per questo particolare tipo di famiglia vi ricordiamo che esiste un’organizzazione molto capillare a cui far riferimento in materia di famiglie numerose:  www.famiglienumerose.org

CONTRIBUTO PER FAMIGLIE NUMEROSE

Quale famiglia si può considerare numerosa ai fini del contributo? Ai fini dei contributi provinciali le famiglie numerose sono quelle che hanno almeno tre figli. Il contributo sarà attribuito in base all’ICEF,che dovrà essere  pari o inferiore  a 0,03. (Per farvi un’idea delle cifre il contributo minimo è pari a 125 euro/anno per la famiglia con 3 figli, il contributo massimo è pari invece ad 225 euro/anno per la famiglia con 3 figli). Dove presentare richiesta (Se avete già provveduto al calcolo dell’ICEF)? All’Agenzia provinciale per l’assistenza e la previdenza integrativa (Apapi) attraverso la “domanda unica”. Quali sono considerati “figli” ai fini del contributo? si intendono i figli del richiedente e del coniuge o convivente del richiedente, senza limiti di età purché risultino a carico del nucleo familiare del richiedente; si considera a carico il figlio che nell’anno di riferimento ha percepito un reddito personale inferiore ai 6.000 euro. Ai fini della concessione del contributo sono equiparati ai figli: a) il concepito, quando la data presunta del parto è determinata entro la fine dell’anno in cui il richiedente presenta domanda; b) i minori in stato di affido familiare; c) i soggetti ad essi equiparati ai sensi della normativa regionale in materia di assegno al nucleo familiare. Quali sono i termini di presentazione? La domanda può essere presentata in ogni momento con le modalità stabilite per la “domanda unica” e decorre dal mese successivo a quello di presentazione. Qualora la domanda venga presentata entro 90 giorni dalla data della nascita del bambino, l’assegno spetta a decorrere dal mese successivo a tale data. Per percepire il contributo continuativamente la domanda dovrà essere inoltrata in via anticipata fra il 1° luglio e il 31 dicembre dell’anno precedente a quello di riferimento. Come cominciare a presentare la domanda? Ci si può rivolgere ai Centri di assistenza fiscale  CAF della provincia di Trento o agli Sportelli per l’informazione della Provincia Autonoma di Trento dislocati sul territorio provinciale.

CONTRIBUTO SULLA BOLLETTA ENERGETICA

Requisiti. 1) La famiglia deve essere residente da più di 3 anni continuativi nella provincia di Trento 2) avere almeno 3 figli a carico 3) possedere un indicatore ICEF inferiore o uguale a 0,3529. Quali sono i termini di presentazione? La domanda può essere presentata in ogni momento con le modalità stabilite per la “domanda unica” e decorre dal mese successivo a quello di presentazione. Qualora la domanda venga presentata entro 90 giorni dalla data della nascita del bambino, l’assegno spetta a decorrere dal mese successivo a tale data. Per percepire il contributo continuativamente la domanda dovrà essere inoltrata in via anticipata fra il 1° luglio e il 31 dicembre dell’anno precedente a quello di riferimento. Come cominciare a presentare la domanda? Ci si può rivolgere ai Centri di assistenza fiscale  CAF della provincia di Trento o agli Sportelli per l’informazione della Provincia Autonoma di Trento dislocati sul territorio provinciale. Vi ricordiamo inoltre che esiste un’organizzazione molto capillare a cui far riferimento in materia di famiglie numerose:  www.famiglienumerose.org

 

ESENZIONE TICKET SANITARIO TERZO FIGLIO

L’esenzione parte da 0 anni e rimane in vigore fino a quando i figli resteranno in famiglia. Requisiti per avere il diritto all’esenzione sono: – essere terzo o successivo figlio a carico (per il calcolo del numero dei figli si considerano quelli presenti sullo stato famiglia del richiedente) – essere residente in Provincia di Trento – Si considera a carico il figlio che nell’anno di riferimento ha un reddito complessivo personale inferiore a 6.000 euro. Si tratta di un’esenzione provinciale non riconosciuta fuori dai confini del Trentino; possono autocertificare sia i genitori che gli stessi figli se maggiorenni; è sufficiente compilare il modulo di autocertificazione reperibile al momento del pagamento del ticket, non è altresì richiesto alcun tipo di documentazione aggiuntiva. L’esenzione viene riconosciuta al momento dell’accettazione solo se il codice esenzione (E80) è apposto sulla ricetta. PER SAPERNE DI PIÙ: 848 806 806, attivo i giorni feriali, dal lunedì al venerdì: 8-18, il sabato: 8.00 – 13.00

 

ASSISTENZA ODONTOIATRICA

Questo servizio è stato pensato per permettere alle persone con basso reddito, agli anziani e ai soggetti affetti da handicap, un’assistenza sanitaria adeguata in campo odontoiatrico. Le prestazioni ammesse sono: – La prevenzione primaria (esempi: promozione dell’igiene, fluoroprofilassi, controllo dell’alimentazione, screening, ecc.) – Le cure secondarie (esempi: estrazioni, trattamento carie, otturazioni… circa 40 prestazioni) – L’ortodonzia (esempio apparecchi dentari fissi e mobili) – L’assistenza protesica mobile e fissa (esempio dentiere) – L’urgenza odontoiatrica (esempi: incisione ascessi, emorragie, ecc) – La chirurgia orale (esempi: estrazione denti del giudizio, asportazione cisti, ecc.). Leggete QUI il nostro articolo a riguardo.

 

BIGLIETTO FAMIGLIA” E TRASPORTI PUBBLICI

Nell’ambito urbano di Trento, Rovereto e Pergine vale il “biglietto famiglia“, riservato a nuclei di persone composti da 2 adulti e fino a 4 minorenni: il costo del biglietto è pari al costo di due biglietti di corsa semplice. Pagano solo gli adulti, insomma. La circolazione è gratuita sui serviziextraurbani su gomma e su tutti i servizi ferroviari per i minori di 18 anni, purché accompagnati da adulto pagante (con biglietto o abbonamento) sulla tratta effettuata. Questa vale nei giorni festivi per tutto l’anno e tutti i giorni nei mesi di luglio e agosto. La gratuità riguarda anche il trasporto bici da parte del minore, se l’adulto è in possesso di biglietto anche per il trasporto delle bici. Ricordiamo anche che i bambini sotto il metro d’altezza viaggiano gratis sui mezzi pubblici, con accesso gratuito ai bus urbani per i passeggini dopo le ore 9 del mattino e senza limiti di orario nei giorni festivi. Poco nota è invece l’agevolazione prevista da una convenzione stipulata con la Provincia di Bolzano: ai residenti in regione che comprino un biglietto per spostarsi con i mezzi pubblici – nei giorni prefestivi e festivi – dalla propria provincia di residenza nell’altra provincia viene rilasciato un pass gratuitoper viaggiare su tutti i mezzi di trasporto dell’altra provincia (bus, treni, funivie) per tutta la giornata. Il titolo di viaggio gratuito giornaliero viene rilasciato presso gli sportelli di Trenitalia di Trento e Bolzano previa esibizione del documento d’identità e del biglietto di viaggio. Per ulterioi info: Servizio Comunicazione e trasporti della Provincia Autonoma di Trento Via Vannetti, 32 – 38100 Trento Tel. 0461/497962 – 63 – 64 Cliccate sulla parola BIGLIETTO FAMIGLIA per saperne di più sui trasporti in Trentino.

1 CommentoLascia un commento

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *