Giocare ad inventare: Kidsonthetree sa come

Fantasia, immaginazione, creatività sono parole chiave per la filosofia di Kidsonthetree, un marchio che ha fatto della ricerca e della qualità i suoi fiori all’occhiello. Parlando con Stefano Scarparo Alves, ideatore e anima del progetto Kidsonthetree il discorso sui giochi e le tipologie di giochi che i bambini preferiscono salta spesso fuori e in una recente chiacchierata siamo finiti a parlare di quelle volte in cui,  di fronte a un regalo fatto a un figlio si rimane delusi della reazione, magari perché il bambino è più attratto dalla confezione che dal giocattolo stesso. Vi è mai capitato? Fa sorridere, ma anche pensare. A Stefano con le sue figlie, ma anche a noi onestamente, è successo e questo ci fa soffermare sulla nostra capacità reale di riconoscere i gusti dei bambini, senza farci influenzare dai nostri. Stefano sostiene di aver sempre pensato che si trattasse di uno di quegli inevitabili (e numerosi) “eventi naturali e comuni” della vita del genitore imperfetto. Può essere sicuramente, ma ci racconta che da quando ha avuto modo di parlare con Jordi, ideatore, fondatore e realizzatore dei Nins® di Grapat il suo punto di vista in merito a questo episodio è di certo cambiato. Jordi gli ha infatti spiegato che toccando con le mani i giochi che produce i bambini “vedono al di là dei colori e poiché sono sensibili ad ogni prezioso piccolo tocco, accarezzano la consistenza del legno, i bordi arrotondati, le facce lisce e le sfere”, un po’ come se le mani potessero vedere. Un’immagine a dir poco suggestiva!

Girl Playing With Building Blocks — Image by © Royalty-Free/Corbis

I bambini hanno, ci racconta Stefano dal suo punto di vista, delle priorità sempre speciali, non sempre comprensibili agli adulti e a volte non si tratta di regalar loro giochi “sbagliati” o “corretti”, ma solo di diverse priorità. Spesso i materiali sono solo uno strumento, perché il gioco infantile è l’essenza dell’esistenza e l’espressione massima di vita. Attraverso il gioco i bambini si aprono al mondo e se li lasciamo fare vedremo che loro ci diranno io sono, io esisto”. Per scoprire il mondo è necessario anche passare attraverso il gioco libero e destrutturato, anche a favore dell’acquisto di autonomia.

Stefano, papà di due bambine, si rende conto nel quotidiano che mano a mano che la crescita dei bambini avanza, i giochi di trasformazione e di invenzione diventano sempre più complessi e più intriganti, rimanendo fermo il concetto però di gioco come occasione per creare qualcosa di nuovo, riprendere e sviluppare ulteriormente un’attività, un gioco lasciato il giorno prima. Persino degli scatoloni semplicissimi, imballaggi senza orpelli, possono diventare automobili, case per le bambole, stalle di cavalli oppure navicelle spaziali grazie ai colori e agli addobbi fatti di nastro adesivo, etichette, nastri e tutto quello che la fantasia suggerisce al momento.

I materiali, le consistenze e i colori sono caratteristiche essenziali dei prodotti selezionati e proposti da Kidsonthetree, in particolare quelli del marchio GRAPAT (proprio ideati da Jordi di cui si parlava prima), esaltano le forme, le tine e il legno di cui sono composti, regalando al bambino, al di là del gioco fine a sè stesso, anche l’opportunità della scoperta. Educativi di nome e di fatto, i giochi scelti da Kidsonthetree si possono visionare al catalogo online grazie al sito, dove troverete anche il blog di Stefano Scarparo Alves, che regala continui spunti sull’essere genitori.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *