L’incanto della mamma…

…gioia e vitalità nella comunicazione

Avete mai notato che i bambini solitamente amano sentire la mamma cantare per loro? Sorridono, si sentono amati e ne traggono contemporaneamente dei preziosi vantaggi. Le più recenti ricerche provano che la musicalità della mamma arricchisce la qualità degli scambi relazionali con il bambino, qualità che risulta determinante nello sviluppo psicologico e nell’apprendimento del linguaggio. Le mamme hanno già, spesso inconsciamente, la capacità di entrare musicalmente in relazione con il proprio figlio: “L’incanto della mamma” vuole essere uno momento speciale in cui le mamme si possano sentire accompagnate e sostenute nello sviluppo di una vocalità più libera e creativa insieme ai loro bambini, per trascorrere degli indimenticabili momenti intimi insieme.

Il percorso è rivolto a: mamme con bambini da 0 a 9 mesi. Non è necessaria alcuna esperienza pregressa di canto, in quanto il percorso è strutturato in modo tale da sviluppare e valorizzare le possibilità espressive vocali delle partecipanti.

Nel percorso sono previsti alcuni momenti di illustrazione teorica e diverse esperienze, dal contatto con il respiro e con la vibrazione della voce nel corpo alla percezione del ritmo, diverse attività di voce e movimento, giochi vocali e comunicazione sonora creativa ed infine insegnamento di canti per i diversi momenti con i bimbi.

Se vi blocca il fatto dell’essere stonati, sappiate che spesso purtroppo molte persone vengono ingiustamente bloccate nel canto, fin da piccole, da giudizi poco incoraggianti rispetto alle loro abilità canore, ma una soluzione c’è:  sviluppando in particolare la capacità di ascolto, il canto può diventare gradualmente sempre più intonato e, cosa ancora più importante, può acquisire dei grandi poteri. I corsi proposti dal Centro Nel Suono di Elena Sartori, hanno l’obiettivo di favorire lo sviluppo della comunicazione tra mamma e bambino attraverso appunto, il canto e la vocalità.

Tre parole chiave, oltre a “suono”: accoglienza, ascolto empatico profondo, assenza di giudizio. Ecco com’è l’approccio per una mamma che vuole intraprendere questo nuovo percorso di crescita con il proprio bebè. L’attenzione al benessere della persona è fondamentale in questo corso: sia che si parli di bambino che di mamma, indipendentemente dalle sue capacità canore. L’obiettivo del percorso è proprio quello di valorizzarle e ampliarle e allo stesso tempo ridare fiducia alle mamme attraverso l’esperienza del piacere nell’utilizzo del suono e del canto come strumento accrescitivo nel rapporto madre-figlio. 

Articolazione del percorso:

  • 6 incontri, della durata di 1 ora e un quarto.
  • quota di partecipazione: 90 euro
  • luogo: presso lo studio di vicolo di Piedicastello 10 a Trento.

NOVITÁ: Canto carnatico metodo Leboyer – Il suono del grembo
Il metodo è stato elaborato da Frèdèrick Leboyer, ginecologo francese conosciuto in particolare a partire dagli anni 70 per la sua teoria “Per una nascita senza violenza”, e per aver iniziato ad introdurre in Europa l’utilizzo dello yoga pre parto e del massaggio neonatale. La sua proposta di preparazione al parto riguarda il suono legato al respiro; si tratta del suo ultimo grande insegnamento, grande nella sua semplicità ed essenzialità. Per Leboyer il percorso della gravidanza fatto con la pratica del canto carnatico è in un’unica definizione “mettersi all’unisono con la vita”.

Tempi: 6 incontri della durata di 1 ora e 15 minuti – Quota di partecipazione: 75 euro

L’uso del suono che Leboyer propone attinge ad un patrimonio simbolico molto vasto, che è quello della musica carnatica dell’India meridionale. I suoni, qui organizzati in scale musicali che si chiamano “raga”, diventano una rappresentazione sonora dell’onda della contrazione e la seguono nel suo crescere, raggiungere il culmine e nel lento decrescere. Vengono accompagnati dal suono del tanpura, strumento dalla grande ricchezza di armonici. Sono previsti anche semplici movimenti che favoriscono la respirazione e il canto, così come vengono proposti dei canti che accompagnano la relazione sonora e affettiva con il bimbo.

EVENTI

Chicco e “Nel suono”: l’importanza del canto

Per saperne di più potete scrivere ad Elena all’indirizzo elenajsartori@libero.it o telefonare al 333 2688020

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *