Siete stati bravissimi e come sospettavo non ci avete deluso! Vi avevamo infatti suggerito di proporre qualche domanda, nel caso ne aveste avute, al nostro Lorenzo Cannelli, il logopedista che ci affiancherà in questa rubrica dedicata a tutti i problemi legati alla prima infanzia, ma anche all’età scolare. Le domande sono arrivate in fretta e con nostra grande gioia Lorenzo risponderà piano piano a tutte. Tra le tante perplessità alcune si riferivano a un aspetto che scopriamo, grazie a lui, essere fondamentale per lo sviluppo sano dei nostri piccoli cuccioli d’uomo: il linguaggio. Ecco direttamente dalla sua penna cosa ci spiega Lorenzo in modo semplice e immediato, a proposito di questo delicato argomento.

In questa settimana mi sono arrivate molte mail e riscopro con gioia un mondo di genitori curiosi, attenti e molto spesso preoccupati sulle tappe di acquisizione del linguaggio dei loro bambini! 
Volevo innanzitutto ringraziarvi per la fiducia e spero di essere
esauriente nelle risposte.

1348014598Il linguaggio è un sistema complesso e molto articolato che al pari della competenza psicomotoria necessita di tappe di sviluppo ben delineate e una lenta maturazione sia fisiologica che anatomo-cognitiva.
 Il linguaggio è la MANIFESTAZIONE DELL’ESSERE, la progressiva rivelazione di un soggetto comunicante che attraverso la voce racconta chi è e il suo pensiero.

children-talking-and-playing-telephoneDalla nascita fino ai primi anni, il linguaggio (inteso inizialmente come babbling, gridolini e versetti) è, al pari del movimento, una competenza immatura che prosegue per tentativi. 
Saranno gli adulti che lo circondano a rinforzarlo, parlando al bambino con voce cantilenante, innaturalmente chiara per delimitare le frequenze dell’orecchio del bambino perché lui possa potenziare la comprensione di determinati suoni del nostro linguaggio. Nasceranno su ripetizioni le prime sillabe ripetute che avranno valore semantico (es: “bi-bi” per molti, tra cui io, era il bere) e così via fino ad una maturazione cognitiva che permetterà di creare una libreria di parole per formare le prime piccole frasi.
 Ma, vi chiedete, se tutto questo processo è da considerarsi così “naturale” dove va posta allora l’attenzione?
2014-04-30-facetoface1Innanzitutto sulla stimolazione del bambino che va affrontata già dai primi mesi spronandolo a fare dei versetti, lasciando il piccolo divertirsi con la sua voce. Importante controllare spesso che senta tutti i suoni alternando le orecchie e richiamandolo sia con la voce sia con piccoli giochi sonori. Attenzione a quei bambini che fin dai primi anni di vita presentano spesso rinorrea (naso intasato) o otiti perché il muco altera le frequenze del parlato.

Un’altro argomento importante e particolare attenzione va posta sulle letterine, soprattutto sulla loro assenza, sulla distorsione o sull’inversione. Ma per tutto questo avremo sicuramente tempo da dedicare assieme proseguendo questo viaggio nel meraviglioso, ma delicato, mondo del linguaggio!

Consigli utili, qualche idea per aiutarsi a capire se il nostro piccolo ha qualche difficoltà, con la postilla fondamentale di rivolgersi sempre e comunque ad un esperto, come Lorenzo, per poter verificare se i dubbi sono fondati o meno e adottare le giuste strategie di intervento.

Grazie al nostro logopedista del cuore e se avete domande continuate a inviarle a logolorenzo@live.it.

comuni_460