Passo San Pellegrino: il Giardino delle Formiche

Nuova Cabinovia 8 posti Falcade – Le Buse e Funivia Col Margherita
aperte dal 2 luglio fino all’11 settembre dalle 9 alle 12:30 e dalle 14 alle 17:30

Seggiovia Costabella aperta dal 19 giugno all’11 settembre  dalle 9 alle 12:50 e dalle 14 alle 17:30

Prezzi QUI.

CiqPPsdWYAAQzp4Con il nuovo impianto di risalita Cabinovia Falcade  – Le Buse, si può raggiungere facilmente il Giardino delle Formiche. Si tratta di un  sentiero tematico a quasi 2000 m di altezza. Impreziosito da immagini e didascalie, avvicina i bambini al mondo della Formica Rufa, con scorci mozzafiato sulla piana di Falcade. Un’occasione per conoscere anche gli altri animali del bosco e la ricca flora alpina delle Dolomiti, possibile grazie alle tabelle esplicative poste lungo il percorso. É un percorso facile, pensato per i bambini e dura circa 30 minuti.

Per chi invece prende la funivia Col Margherita (2514 m) un panorama da sogno è il regalo che troverà all’arrivo. Si può anche salire a piedi e in ogni caso si potrà ammirare la straordinaria terrazza naturale che consente di ammirare la sottostante vallata del San Pellegrino e le principali cime dolomitiche da due particolari “balconi panoramici” attrezzati con panchine, cannocchiali e pannelli informativi sulle vette circostanti e la loro descrizione geologica. Il primo guarda verso nord congiungendo in una sorta di abbraccio virtuale il Gruppo del Latemar alla Marmolada, mentre l’altro è rivolto verso sud in direzione delle Pale di San Martino e della Catena del Lagorai.

Non solo, per gli amanti della storia ci sono anche escursioni che partono dalle stazioni a monte della seggiovia Costabella e della funivia Col Margherita. Ripercorrono le tracce della Grande Guerra nella valle del Passo San Pellegrino. Sulle Creste del Costabella e sull’Alta via del Monzoni come su Cima Bocche e Cima Juribrutto si combatté ininterrottamente da maggio 1915 a novembre 1917 e questi terribili campi di battaglia costituiscono oggi uno straordinario museo a cielo aperto visitabile da tutti con caverne, trincee, fortini, postazioni militari e numerosi altri reperti ancora ben conservati.

Noi nei dintorni abbiamo provato l’escursione che porta al Rifugio Passo delle Selle e l’Alta via Bepi Zac, ma anche la passeggiata meno impegnativa che porta a Baita Paradiso.

 

1 CommentoLascia un commento

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *