Che bella esperienza abbiamo vissuto in Paganella! Di quelle che non ti scordi più. Complice una giornata meravigliosa – di quelle senza una nuvola – abbiamo tirato fuori tutto il nostro coraggio e ci siamo avventurate sul nuovissimo Sentiero delle Aquile. Per gli adulti c’è una ferrata spettacolare (con tratti esposti e ben due ponti tibetani, una delle poche raggiungibili comodamente con gli impianti), che noi abbiamo osservato a bocca aperta tenendoci ovviamente a debita distanza.
Parlo però di “coraggio” perché anche il sentiero è adrenalinico: il primo tratto è attrezzato con scalette e cordini, e necessita di particolare attenzione. Ho provato a percorrerne un tratto con Alice, 5 anni, e sua sorella Giulia, 8, e quando ho visto che erano tranquille e sufficientemente attente ho deciso di proseguire. Abbiamo così suonato la “Campana dei Sogni” (una campanella vera), ammirato quella meraviglia naturale soprannominata “l’arco di Tito” e poi siamo entrate nella grotta con la “Fonte della Giovinezza”, toccando anche l’acqua magica perché non si sa mai che funzioni davvero!
Le ragazze erano emozionate e contente di mettersi alla prova su questo itinerario così inusuale: mai una lamentela, un sussulto di paura, così come niente disubbidienze rispetto alle mie indicazioni. Quando erano stanche una piccola sosta con vista e voilà!
Già, perché la vista che si può godere da lassù è davvero incredibile: sotto di noi la Valle dell’Adige in tutta la sua bellezza, mentre a destra e quindi a sud una serie di magnifici laghi (entrambi i laghi di Lamar, con il loro azzurro-verde inconfondibile, quelli di Cavedine, Toblino e Santa Massenza, per finire con il Lago di Garda!).
Il secondo tratto è più tranquillo, con un continuo saliscendi tra i mughi fino ad arrivare al “Trono delle aquile”, dove si può fare a finta per un momento di guardare sotto ed aprire le ali. Due le alternative per il ritorno: percorrere il Sentiero Botanico e al bivio scendere a destra fino al rifugio Dosso Larici (la soluzione migliore per chi viene da Fai e poi riprendere le seggiovie) oppure tornare a sinistra in un’ora circa di nuovo in cima alla Paganella, dove vi aspetta il rifugio La Roda ed il suo impareggiabile balcone sulle Dolomiti di Brenta.

INFO UTILI:

  • si può imboccare il sentiero da Fai della Paganella (Santel), prendendo tre seggiovie (attenzione perché l’ultima è aperta solo in un determinato periodo, quest’anno dal 23 luglio fino al 28 agosto) oppure da Andalo prendendo una telecabina ed una seggiovia (QUI orari, costi ed aperture)
  • chi ha bambini piccoli o soffre di vertigini può evitare il tratto attrezzato ed arrivare comodamente fino al Canalone Battisti, proseguendo fino al trono delle aquile
  • tempo di percorrenza: calcolate almeno un paio d’ore, qualcosa in più se volete godere di tutta la bellezza del posto