La città romana di duemila anni fa è pronta ad accogliere in tutta sicurezza i visitatori che, oltre a percorrere il decumano conservato nel sito e ammirare i mosaici della domus, troveranno la mostra “Ostriche e vino. In cucina con gli antichi romani” per gettare uno sguardo sull’alimentazione in età romana. Il percorso di visita non è stato ridotto, ma sono stati differenziati ingresso e uscita. L’accesso del pubblico sarà regolamentato in modo da evitare assembramenti e aggregazioni. Dispenser per l’igienizzazione delle mani sono disponibili all’ingresso e lungo il percorso.

In attesa di accogliere anche le scolaresche l’attività per il mondo della scuola prosegue online sul portale Trentino Cultura dove i Servizi Educativi dell’Ufficio beni archeologici potenziano e aggiornano continuamente materiali, schede e proposte disponibili nelle sezioni A scuola con l’archeologia, Archeologo anch’io e Ti racconto l’archeologia. Vengono inoltre offerti approfondimenti sulla Tridentum romana da svolgersi con la didattica a distanza o con la presenza dell’educatore museale in classe.

CONOSCIAMO IL SITO

Nel cuore del centro storico di Trento vive l’antica Tridentum romana. Il S.A.S.S. custodisce oltre duemila anni di storia e 1.700 metri quadrati di città romana in un allestimento affascinante e suggestivo. L’ampia area è costituita da spazi ed edifici pubblici e privati: un lungo tratto del muro che circondava Tridentum, resti di una torre, parte di una strada fiancheggiata da marciapiedi con rete fognaria sottostante. Le famiglie possono visitare il sito grazie alla speciale guida “Archeofamily” distribuita gratuitamente: attraverso semplici indizi i bambini sono invitati a scoprire i luoghi più misteriosi e particolari.
Indirizzo: piazza Cesare Battisti, Trento

Area archeologica di Palazzo Lodron (piazza Lodron 31 – Trento)
Sotto Palazzo Lodron, nell’omonima piazza, si nasconde un altro importante tassello della Tridentum romana: una parte di un quartiere meridionale della città con un tratto della cinta muraria, una torre, una strada e resti di edifici privati. Il ritrovamento delle impronte di alcuni tini ha permesso di ricostruire l’ambientazione di una caupona, la bottega di un vinaio.

Per maggiori informazioni: 0461.230171; www.cultura.trentino.it/temi/archeologia

Per partecipare a tutte le attività è obbligatoria la prenotazione. Per accedere al sito è necessario esibire il green pass.

Le disposizioni non si applicano ai soggetti esenti sulla base di idonea certificazione medica e ai minori di 12 anni. Visitatori e partecipanti dovranno indossare la mascherina. Sono esenti i bambini sotto i 6 anni di età.

Per la visita al sito in autonomia non è richiesta la prenotazione. L’accesso avviene nel rispetto delle norme previste per garantire la sicurezza del personale e dei visitatori che dovranno esibire il green pass, indossare la mascherina e osservare il distanziamento fisico. L’orario di apertura è da martedì a venerdì dalle ore 9 alle ore 13 e dalle ore 14 alle 17:30. Non è richiesta la prenotazione.