Al lago di Gioveretto in val Martello

Alla ricerca di una bella passeggiata fattibile anche con il passeggino? Ecco un’idea che esplora proprio il Parco Nazionale dello Stelvio, in Val Martello, camminando lungo il percorso che costeggia il lago di Gioveretto. 
Da Trento lo si raggiunge in circa due ore di macchina: si arriva fino a Merano, si percorre poi la strada statale della Val Venosta fino a Laces, da qui si seguono le indicazioni per la Val Martello fino all’ Hotel Ristorante Zum See (a quota 1866 metri) che si trova alla fine del lago e da dove inizia la nostra camminata.ajaxmail-75
Di solito gli ultimi minuti di viaggio sono per i bambini i più noiosi e interminabili, invece qui, gli ultimi chilometri sono stati accompagnati da un paesaggio del tutto originale: le coltivazioni di fragole, anzi tantissime fragole, serre enormi e deliziose casette in legno dei proprietari dei terreni ed infine un grande recinto con simpatici asinelli e lama. Non siamo ancora arrivati però perchè dopo gli ultimi dieci tornanti in salita arriviamo alla diga, proseguiamo oltre fino ad arrivare appunto al ristorante Zum See dove troviamo un comodo parcheggio a pagamento (4 euro per tutta la giornata).inizio-sentiero

Finalmente si parte! Prendendo un piccolo sentiero che ci conduce dopo pochi minuti ad un ponte in legno con le indicazioni da seguire scegliamo di andare a sinistra per il sentiero di fondovalle (Marteller Talweg n. 36). Ci sarebbe la possibilità di scegliere anche un percorso più avventuroso nel bosco, ma noi preferiamo stare tranquilli e camminare per questo che è comodo e immerso, inzialmente in un boschetto.
Poco dopo ci troviamo davanti ad un panorama mozzafiato: il lago di colore verde intenso, la lunga strada ampia e battuta percorribile tranquillamente con passeggini e anche con carrozzine (precisato anche nel cartello esplicativo posizionato al punto di partenza) e alle nostre spalle la catena del Cevedale con le cime che si riflettono nell’acqua del lago. Quello che si dice “uno spettacolo della natura”.

Lungo il percorso, per lo più pianeggiante, ideale perciò anche per bambini non abituati a camminare molto, troviamo simpatiche fontanelle naturali e caratteristiche panche in legno realizzate con tronchi di alberi intagliati, dove ci si può fermare a riposare un p0′ o a sgranocchiare qualcosa. 

cascata
Andiamo avanti per il sentiero e siamo curiosi perchè tra boschi di larici e abeti bianchi si sente arrivare il rumore fragoroso e incondfondibile di una cascata. Ed è proprio una cascata quella che troviamo poco dopo tra la rigogliosa vegetazione.I bimbi affascinati dalla forza dell’acqua la seguono saltando qua e là e con lo sguardo curioso senza decidersi se stare da un lato o dall’altro del grande ponte che la attraversa.

Dopo circa un’ora di tranquilla camminata arriviamo ad una passerella in legno leggermente in discesa che ci conduce alla diga di sbarramento, dove possiamo ammirare la spettacolare Catena dell’Ortles Cevedale con i suoi ghiacciai e le sue alte cime.Di solito è consentito anche l’attraversamento della diga che conduce sull’altro versante del lago, da dove si raggiunge, seguendo la strada asfaltata, il punto di partenza. Purtroppo quando ci siamo stati noi l’accesso era chiuso per lavori, perciò, con un pizzico di delusione da parte dei bambini (e anche di noi adulti), siamo ritornati indietro.

cima-cevedale-diga
Per risollevare l’umore è bastato poco: un bel prato, un comodo tavolo dove poter fare un allegro pic-nic in compagnia e soprattutto una “super fontana” costruita con lunghi tronchi scavati, che porta l’acqua da una piccola sorgente fino alla riva del lago e che si è trasformata nel passatempo dei bimbi. Hanno giocato tutto il pomeriggio costruendo dighe e sperimentando la velocità dell’acqua con bastoncini e ramoscelli, ottimo imprinting con l’ingegneria idraulica no?  Noi adulti nel frattempo ci siamo gustati la tranquillità del posto e la meravigliosa temperatura, nonostante fosse una giornata calda la leggera arietta proveniente dal lago ci ha rinfrescati piacevolmente.ajaxmail-74

 

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *