Forse uno dei più bei giri invernali in Trentino Alto Adige quello del Bullaccia all’Alpe di Siusi, con tanta neve perché a 2000 metri di quota. Uscite dall’autostrada a Bolzano nord e poi seguire le indicazioni per l’Alpe, ben visibili. Due le possibilità per raggiungere il parcheggio Compatsch, a quota 1850 metri: passare da San Valentino (dieci minuti prima del parcheggio) prima delle 9 del mattino, visto che per il sistema di mobilità sostenibile il traffico sull’Alpe è bloccato dopo quell’ora. 16 euro al giorno. Oppure prendere la telecabina che da Siusi porta in quota (prezzi QUI). 

Il Compatsch è il posto di partenza un po’ per tutto: piste, passeggiate, parco giochi sulla neve. Per la nostra passeggiata, un po’ più di 300 metri di dislivello, adatta a bambini abituati a camminare muniti di scarponi.  Si imbocca il sentiero 14 (indicazioni Bullaccia):  il primo tratto è asfaltato, poi con neve sempre ben battuta (nei tratti ghiacciato si consiglia l’uso di ramponcini).

Dopo circa mezz’ora si arriva ad un bivio e si seguono le indicazioni per il rifugio Arnika. Il paesaggio è davvero spettacolare: davanti a noi l’imponente massiccio dello Sciliar, la Val Isarco e la conca di Bolzano e in lontananza i gruppi dell’Adamello e l’Ortles. Un manto bianco copre tutto il Monte Bullaccia. Sono circa le 12 quando vediamo in lontananza il Rifugio Arnika… una visione spettacolare!

Per pranzo abbiamo preso una zuppa d’orzo e l’immancabile kaiserschmarren. Piatti buoni, anche se non indimenticabili.

Se volete vedere qualcosa anche nel pomeriggio potete proseguire in direzione “Panche delle streghe”: in circa mezz’ora si arriva infatti in un meraviglioso punto panoramico. Assolutamente consigliato, perché il paesaggio è – se possibile – ancora più spettacolare.  Salendo infatti compaiono davanti a noi maestosi ed inconfondibili il Sassopiatto e il Sassolungo, preceduti a sinistra dalle Odle e il gruppo del Sella.

Le panche delle streghe sono alcuni grossi massi dove nel Medioevo, narra la leggenda, si radunavano le streghe celebrare i loro riti. 

In un’altra mezzora si arriva al Rifugio Bullaccia, sempre in mezzo a questi immensi prati innevati da cui fanno capolino pittoresche baite che sembrano uscite da una cartolina. Poco prima della partenza della pista da slittino seguite l’indicazione del punto panoramico che in 5 minuti porta verso l’osservatorio si trovano le scritte delle montagne che a 360° vi circondano.

Infine, non vi resta che riprendere la via del ritorno verso il Compatsch ammirando le varie possibilità che offre questo posto: sulla sinistra le piste da sci, in mezzo la pista di slittino e a destra il percorso a piedi bene segnalato.

Altre passeggiate sull’Alpe di Siusi:

  • Rifugio Molignon, passeggiata lontano dalle piste e ritorno in slittino
  • Rifugio Zallinger, splendido panorama sotto il Sassopiatto e ritorno in slittino
  • Malga Sanon, passeggiata semplice e vista incredibile