Dal Passo Nigra al Rifugio Messnerjoch

In autunno vi abbiamo raccontato di un bellissimo itinerario che ci ha fatto raggiungere la Baita Messnerjoch passando da Malga Haniger (leggete QUI), ma questi bellissimi luoghi meritano sicuramente una visita anche d’inverno, per una bella escursione adatta ai bambini.

Da Bolzano prendiamo la strada in direzione Val d’Ega e arrivati a Carezza proseguiamo a sinistra per Passo Nigra (m. 1688) dove parcheggiamo l’automobile (parcheggio gratuito). La passeggiata è davvero semplice, in estate fattibile anche con il passeggino, in questa stagione è comodamente percorribile con gli scarponi ed è adatta a tutti i bambini dai 5 anni in su. La nostra meta è la Baita Messnerjoch a 1930 m.( raggiungibile in un’ora di passeggiata).

Prendiamo la forestale segnavia 1 “sentiero delle leggende” e ci immergiamo nel fantastico mondo di Re Laurino (Se non conoscete la leggenda, LEGGETE QUI! 🙂 ). Salendo lentamente attraverso il bosco, lungo il percorso, abbiamo avuto la fortuna di vedere un bellissimo capriolo che, dopo averci osservato curioso con un balzo è scomparso dietro gli alberi. Alla prima diramazione si può proseguire sulla sinistra (segnavia 7) allungando di mezzora il percorso o seguendo l’indicazione in 20 minuti si raggiunge il rifugio posto sotto le imponenti pareti del Catinaccio.
La vista è veramente notevole: di fronte a noi ecco il Latemar, il Corno Bianco e il Corno Nero, mentre in lontananza il Brenta e il gruppo dell’Ortles. Il rifugio è delizioso ristrutturato da poco, tutto in legno con una bellissima terrazza. C’è anche uno spazio per i bambini: una casetta sistemata sui tronchi di legno, uno scivolo, delle altalene.

Veniamo accolti da Miriam e Matthias che ci propongono un invitante menu. Noi optiamo per i canederli e ravioli agli spinaci e l’immancabile piatto di patate arrostite con uovo e speck, senza dimenticare lo strudel appena sfornato! Abbiamo visto “passare” tante cose buone: una cotoletta golosa, una zuppa d’orzo fumante e una torta di ricotta niente male.

Sopra di noi vediamo il rifugio Fronza alle Coronelle che si raggiunge in estate in circa 1 ora e 20 minuti attraverso un sentiero sicuramente più impegnativo ma fattibile per adulti e ragazzini più grandi e ben allenati. L’estate questi prati sono bellissimi incorniciati dalle stupende montagne del Rosengarten dove come raccontano le leggende di Re Laurino e la strega Lomberda: streghe e fate danzano e si rincorrono nella notte fino al mattino quando il sole illuminando le rocce dipinge tutto di rosa come un magico giardino.

Info e orari di apertura:
www.messnerjoch.com

Miriam tel. 3404734652
Matthìas tel. 3408242291
info@messnerjoch.com

 

1 CommentoLascia un commento

  • […] Sicuramente un’escursione abbastanza impegnativa, ma se sfruttate tutta la giornata si può fare senza problemi. Se invece optate per qualcosa di più semplice potete decidere di fermarvi a Malga Haniger o raggiungere la Baita Messner Joch partendo da Passo Nigra (circa un’ora di escursione), percorso che abbiamo già fatto lo scorso inverno (qui il nostro racconto). […]

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *