Vi abbiamo parlato dei sentieri delle rogge già altre volte.  Si tratta di sentieri che costeggiano gli antichi canali  utilizzati dai contadini per irrigare i loro campi. Questo complesso sistema idrico è una vera e propria opera di ingegneria realizzata a mano su calcoli prevalentemente empirici. Ma oggi è anche un’attrazione turistica, sia per il susseguirsi dei bellissimi paesaggi, sia per il fatto di essere stato valorizzato grazie a tante curiosità. E poi non dimentichiamo che i bambini adorano l’acqua!

Vi portiamo quindi oggi lungo la Roggia di Lagundo. Una piacevole escursione, perfetta anche per la primavera, quando le temperature sono miti e si passeggia volentieri.

Roggia di Lagundo: come arrivare

Superato Merano si prosegue in direzione Lagundo. Qui ci si dirige verso la località Plars di Sopra, dove c’è un ampio parcheggio gratuito. A fianco passa anche la ciclabile della Val Venosta, nel caso voleste poi proseguire la giornata con un bel giro in bici.

Roggia di Lagundo – ingresso

La Roggia di Lagundo

Il percorso è lungo circa 6 chilometri, in gran parte pianeggiante su comodo sentiero battuto. In alcuni tratti il terreno è un po’ sconnesso, ma sempre percorribile anche con il passeggino. Il primo pezzo si snoda tra vigneti e meleti, poi si passa attraverso un fitto bosco. Imponenti alberi dalle grandi radici e qualche roccia scavata cattureranno l’attenzione dei più piccoli.

La vista si apre in seguito nuovamente sul paese di Lagundo e sull’intera vallata, davvero meravigliosa.

Roggia di Lagundo – panorama dall’alto

Questa passeggiata è ideale in primavera con i meli in fiore che fanno da cornice, ma mantiene il suo fascino durante tutto l’anno. Il fruscio dell’acqua come sottofondo ci fa compagnia.

Roggia di Lagundo

Diverse le panchine posizionate lungo la strada che invitano ad una pausa, regalandovi uno splendido panorama. Se volete potrete anche acquistare prodotti locali: li troverete sui banchetti o nei distributori: succo di mela, marmellate, sale aromatico, vino del posto e tante altre prelibatezze a chilometro zero. I prezzi sono esposti: basterà lasciare i soldi nella cassettina posta a fianco. Questa modalità di vendita discreta e che si basa sulla fiducia a noi piace sempre tantissimo. Proseguiamo ancora tra distese di meleti in fiore seguendo sempre le indicazioni Algunder Waalweg fino ad arrivare alla fine della nostra passeggiata.

La passeggiata Tappeiner

Roggia di Lagundo

Troverete quindi un bivio con le indicazioni per la passeggiata Tappeiner, raggiungibile in circa un quarto d’ora di camminata e collegata da un lungo ponte sospeso che vi catapulterà in un paesaggio unico con una ricca vegetazione mediterranea, tra palme, agavi, pini marittimi, oleandri e fichi d’india. Siete praticamente sopra il paese di Merano.

Parco Giochi a Lagundo

Per concludere la giornata in bellezza vi consigliamo una sosta alla bellissima area ricreativa di Lagundo con un super parco giochi, mini golf, prati e panchine per un picnic. Clicca qui per leggere Parco Giochi wow a Lagundo
Volendo è possibile raggiungere quest’area anche dalla fine di questa passeggiata. Basterà seguire le indicazioni per Lagundo paese, che raggiungerete in  circa 15/20 di camminata in discesa tra case, meleti e graziosi pergolati. Arrivati in paese girate verso destra e dopo un attimo troverete le indicazioni per il mini golf. Seguitele fino ad arrivare in Via Mercato. Proseguite su questa via per altri 10/15 minuti, oltrepassate il Camping Via Claudia Augusta e dopo poco sarete arrivati al minigolf Treff e al super parco giochi!

Parco Giochi a Lagundo

Nei dintorni

Oltre alla roggia di Lagundo ed agli altri sentieri delle rogge, dei quali vi abbiamo parlato nell’articolo 10 sentieri delle rogge a Merano, la zona di Merano e della Val Venosta offre tante possibilità per chi ha bambini di ogni età. Tra i tanti ricordiamo: