Che fascino questo antico mulino per la macinazione con annessa casa ottocentesca che si trova all’imbocco della Val di Rabbi, a Pracorno! Visitare il Molino Ruatti è un po’ come entrare nella vita di un mugnaio dell’Ottocento ed è sicuramente una bella esperienza da far provare ai bambini. Anche questo piccolo museo dopo la lunga chiusura a causa del contenimento per il Covid19, riapre, o meglio: le sue ruote torneranno a girare il primo di giugno 2020! Si potranno prenotare le visite, studiate e riorganizzate per la sicurezza di tutti.

Nel mulino si possono vedere le tecnologie e i macchinari originali, perché sono stati conservati dai proprietari e poi restaurate e funzionanti e messe a disposizione per essere visionate dai visitatori. La sala principale è la sala di molitura, dove si lavoravano i cereali. Il torrente che muove le pale del mulino è, da oltre due secoli, il Rabbiés.

 

Un’altra parte fondamentale di questo particolare museo è la “casa-museo” perchè racconta la civiltà contadina della zona attraverso i locali di abitazione, ma anche stalle, cantine e il vecchio fenile che ora è diventata una sala conferenze ed esposizioni.

Le guide dell’Associazione Mulino Ruatti vi accompagneranno in ogni visita al Mulino e vi faranno entrare all’interno sia della storia familiare che nella cultura del territorio.

Quella del Mulino è sicuramente una scoperta adatta a tutti e per ogni età. Inoltre, in tempi “normali” l’Associazione Mulino Ruatti offre anche servizi sociali e culturali con particolare attenzione per la divulgazione e per la didattica per i bambini, con laboratori che hanno sede presso il Molino Ruatti.

Apertura: dal primo giugno 2020 tutti i giorni dal martedì alla domenica prenotando la visita al 3398665415 oppure scrivendo a info@molinoruatti.it.

Pracorno di Rabbi n.3, Rabbi (TN)