Se vi diciamo Passo del Tonale sicuramente vi verranno in mente le indimenticabili settimane bianche alla Scuola Media, ma vi assicuriamo che anche in estate regala esperienze memorabili. Ad esempio salire al Ghiacciaio Presena vi permetterà di essere catapultati in pochissimo tempo tra cime innevate e un ambiente surreale. Questo è anche luogo di storia e ricordi legati Prima Guerra Mondiale, era linea di confine tra Regno d’Italia e impero Austroungarico.

Da Trento per arrivare al Passo del Tonale in Alta Val di Sole impiegherete circa 1 ora e 30 minuti. Lasciate la macchina nell’ampio parcheggio gratuito della cabinovia Paradiso che vi porterà da un’ altitudine di 1882 metri fino ai 2580 in 8 minuti. Il ghiacciaio si trova sul confine tra la Val di Sole e la Valle Camonica e fa parte del gruppo montuoso della Presanella.

Raggiungere il ghiacciaio Presena è molto semplice grazie agli impianti di risalita che vi risparmieranno gran parte dalla fatica. Dicevamo che una volta scesi dalla cabinovia vi sembrerà tutto incredibile: un anfiteatro di montagne di color grigio scuro con nessun cenno di vegetazione. Che spettacolo!

Prima di incamminarsi verso Rifugio Capanna Presena, vi invitiamo a fermarvi alla mostra interattiva “Suoni e voci della guerra bianca, si trova a fianco della Cabinovia Paradiso. Visitabile gratuitamente e solo in estate. Indescrivibile percorrere la lunga e umida galleria scavata nel granito che racconta di soldati che in prima persona combattevano per la propria terra. Immagini, registrazioni, suoni, reperti bellici vi permetteranno solo di immaginare come vivevano i soldati su questa montagna, il freddo, la fame, la paura e la solitudine… ho ancora la pelle d’oca.

Usciti dalla galleria il panorama ci ha riportato alla realtà.

Potreste prendere la cabinovia Presena suddivisa su due tronconi, ma vi consigliamo di incamminarvi verso il monumento in ricordo dei soldati caduti in guerra e prendere il sentiero che porta a Capanna Presena, circa 3 chilometri con 230 metri di dislivello, davvero una passeggiata. Non percorribile con il passeggino.

Vi renderete conto camminando che incontrerete tanti piccoli laghetti nascosti dietro le rocce, il più grande che permette di fare foto davvero suggestive è il Lago Monticelli che si costeggia durante la salita.

In una quarantina di minuti si arriva al Rifugio Capanna Presena, sorpresa per noi scoprire che si tratta di un lussuoso Mountain Lodge SPA. Ci soffermiamo per un thè caldo, con il sole che ha deciso di rimanere dietro le nuvole abbiamo bisogno di riscaldarci! Ecco davanti al noi il ghiacciaio, in estate ricoperto per buona parte da teloni bianchi che rallentano lo scioglimento della neve.

Prendiamo il secondo troncone della cabinovia, unico modo per arrivare alla cima del Ghiacciaio Presena a quota 3000 metri, che emozione!

La giornata nuvolosa non ci ha permesso di ammirare gli spettacolari panorami dell’Adamello, le cime dell’Ortles-Cevedale e Dolomiti di Brenta ma ci siamo ripromessi di tornare quando il sole splenderà nel cielo. Sulla cima troverete “Panorama 3000 Glacier” un moderno ski-bar in acciaio con grandi vetrate dove poter ammirare tutto il panorama. Per il rientro siamo scesi a valle con i due tronconi della cabinovia Presena e l’ultimo tratto con la cabinovia Paradiso.

Nonostante si possa arrivare facilmente e in poco tempo sulla cima del ghiacciaio ricordiamo che è importante avere un equipaggiamento adeguato, indispensabile avere con sé giacca, pantaloni lunghi e scarpe adatte.

Ecco per voi qualche idea per escursioni e attività al Passo del Tonale e dintorni:

Se volete trascorrere le vostre vacanze in Val di Sole ecco il racconto delle nostre esperienze: