Se non ci siete ancora stati, Maso Limarò è davvero un posto che fa bene al corpo e alla mente. Prodotti genuini, luogo incantevole, gestione di cuore… si trova a metà strada tra le Sarche e Comano. C’è anche una bella passeggiata su pista ciclopedonale che permette di raggiungerlo facilmente anche con i bambini, scoprendo un angolo di Trentino davvero incontaminato.

COME ARRIVARE

Dalle Sarche si sale in direzione Comano Terme per qualche tornante, fino ad individuare sulla destra l’inizio della pista ciclabile. Di fronte, proprio sulla curva, trovate il posto per parcheggiare. L’attraversamento della strada non è proprio in un bel punto, con le macchine che sfrecciano e niente strisce pedonali. Comunque sia, una volta avviati entrerete nel magico mondo della forra del Limarò, una gola scavata nei secoli dal torrente omonimo.

La pista ciclopedonale, asfaltata e ben tenuta, prosegue in leggera salita e per ampi tratti pianeggiante. L’ideale anche per i primi giri in bicicletta con i più piccoli, in un contesto naturale selvaggio e di grande bellezza.

Dopo una mezz’ora circa vedrete apparire sulla destra Maso Limarò, ristorante che ci piace molto per la sua impronta sana e genuina. La premessa è che non è il luogo giusto da andare se siete di fretta e avete necessità di mangiare velocemente. Qui tutto segue il tempo lento della tradizione, delle cose buone, delle materie prime scelte con cura.

CHE SI MANGIA?

Degni di nota sono innanzitutto il pane e la pizza: preparati con la pasta madre, che impone anche tre giorni di lievitazione, e con farine di diversi cereali locali macinati a pietra.

Ogni trancio è farcito con ingredienti gustosi e ricercati, dai formaggi ai salumi, dalle acciughe del Cantabrico ai gamberi di fiume, dalla salsa di mandorle e limone ai friggiteli. Un mix autentico e genuino, che per semplicità viene chiamata “pizza”, ma che i gestori traducono in “cucina su pane”, in cui “ogni boccone è un viaggio”.
Notevoli anche gli hamburger, uno su tutti quello di scottona e salsa di guacamole con olio extravergine del Garda, ma anche i bocconcini di baccalà fritti: una delizia. Ma qui c’è sempre una sorpresa dietro l’angolo, con proposte sfiziose e gustose.

Chi volesse proseguire nella passeggiata può continuare un’altra mezz’ora verso Comano. La pista ciclopedonale però si interrompe in maniera imprevista immettendosi sulla strada principale, molto trafficata, in attesa del completamento. Fin lì sono comunque circa cinque chilometri di fondo asfaltato, perfetto anche per i passeggini e ideale da percorrere in primavera e in autunno, quando le temperature non sono troppo elevate e si è alla ricerca di qualcosa di carino per una gita fuori porta.

INFO E CONTATTI

Maso Limarò
tel. 379 260 0592
e-mail: limaro.maso@gmail.com
web:www.masolimaro.net

Sempre meglio prenotare! Aperto in primavera e autunno dal venerdì al sabato, tutti i giorni in estate.

NEI DINTORNI

Per conoscere tutto quanto di imperdibile offre il territorio di Comano consultate la nostra mini guida “Cosa fare a Comano e dintorniQUI