Oggi vi portiamo a Malga Bocche sull’Alpe Lusia attraverso un semplice percorso (poco meno di cinque chilometri) che si snoda lungo un comodo sentiero pianeggiante, adatto perciò anche a piccoli camminatori e percorribile anche con passeggino da trekking. Lasciamo la macchina alla base della Skiarea Castelier – Bellamonte (dove si trova un ampio parcheggio gratuito) e prendiamo la Cabinovia Bellamonte 3.0 (orari e costi QUI) che ci condurrà fino al primo tronco Le Fassane a 1740 metri e poi ancora a La Morea a quota 1970 metri, punto di partenza della nostra bellissima passeggiata.

Assolutamente da non perdere: un ovetto della cabinovia riserva una sorpresa,  Nidoplano, con il suo fondo trasparente, vi farà vivere l’emozione di un uccellino che si affaccia dal nido per la prima volta.

 

Dopo circa 200 metri in leggera salita arriviamo al bivio con le indicazioni che ci portano, a destra alla nostra malga e svoltando a sinistra ad altri percorsi più impegnativi come i meravigliosi laghetti di Lusia o a Cima Bocche.
Il nostro sentiero invece è quasi totalmente pianeggiante e ci regala fin da subito un meraviglioso paesaggio: il verde bosco del parco naturale di Paneveggio, stupendi scorci sulla catena del Lagorai e il susseguirsi di tanti curatissimi masi con profumate cataste di legna e graziosi giardini.

Tante mucche che pascolano nei prati e che si godono l’ombra degli alberi in compagnia di attenti cagnoloni bianchi. La vista è meravigliosa, con le Pale di San Martino che si avvicinano sempre più.
Lungo il percorso possiamo sentire il rumore di un ruscello dalle acque fresche e limpide, sosta obbligata per lanciare qualche sasso e giocare con qualche rametto 😉 Arriviamo infine ad un piccolo ponticello in legno da dove inizia l’ultimo pezzo, in decisa salita, ma molto breve (circa 200 metri) e tra gli alberi. Lo sforzo verrà decisamente ripagato, dopo l’ultima curva la strada spiana nuovamente e in lontananza possiamo vedere Malga Bocche (1946 metri) e ammirare uno splendido panorama.
Di fronte troviamo le imponenti Pale di San Martino che ci lasciano a bocca aperta. I bambini invece, liberi di correre sui prati circostanti vengono subito conquistati dalle vicine mucche comodamente adagiate sul prato, dai grandi cavalli dai lunghi “capelli” e soprattutto da un tenero e simpatico asinello che gironzola qua e là.

La malga offre un menù molto vario con ottimi piatti tipici (polenta, formaggio fuso, funghi, salsiccia, panini) da poter gustare su dei bei tavoloni di legno con vista sempre sulle Pale. Come dolce abbiamo preso una super torta di mele e noci e una crostata, sempre buonissima.
Dopo esserci rigenerati abbiamo preso la strada del ritorno. I bimbi, comunque un po’ stanchi si sono subito ricaricati con la promessa di una sosta al bellissimo Giro D’Ali (alla stazione intermedia Le Fassane), un parco giochi sull’acqua con un curioso ruscello animato, il percorso Kneipp, le zattere, gli spruzzi d’acqua… Da non fare all’andata, NON riuscireste a convincere i bambini a ripartire, è davvero molto bello.

Se siete in zona fate un salto anche alla Tana degli gnomi,  tante attività e divertimento per i più piccoli.

Potete raggiungere Malga Bocche anche dal versante opposto, con un percorso decisamente più impegnativo ma molto suggestivo, prendendo la telecabina poco sopra Moena fino alla località Le Cune (2200 metri) e da qui passare per Passo Lusia, salire fino ai laghetti di Lusia e ridiscendere fino alla malga.

In estate è attivo anche il servizio di trasporto in carrozza (meglio su prenotazione 345 5093565) e copre la tratta che va dalla località Morea (100 metri dall’arrivo della telecabina) fino a Malga Bocche. La percorrenza media per tratta è di 30 minuti circa, al costo di 10 euro per gli adulti, 5 euro per bambini tra i 4 e 14 anni, gratuito sotto i tre).

Malga Bocche: 📞 335 5946308