Al lago di Neves, anche in passeggino

Un lago (artificiale) dal colore turchese, con le Alpi della Zillertal a fare da corona tutt’attorno. Escursione imperdibile per le famiglie, in cima alla Valle Selva dei Molini, valle laterale – piuttosto selvaggia – della Valle Aurina. Da Campo Tures proseguite in direzione (26 chilometri, mezz’ora d’auto) fino alla stanga preceduta da un piccolo parcheggio sulla sinistra. Il nostro consiglio è quello di proseguire (pagando poi il ticket: 3 euro un’ora, 5 euro quattro ore, 7 euro giornata intera) ed evitare così i 45 minuti circa di strada asfaltata in salita fino al lago di Neves (quota 1856 metri di altitudine), chiamato anche lago di Lappago.

Qui non avrete problemi di parcheggio e potrete cominciare la passeggiata che costeggia le rive, passando anche sull’imponente diga alta quasi 95 metri che gli ha dato vita.
Pianeggiante e percorribile facilmente anche con il passeggino da trekking, è un bel giro di circa un’ora che passa anche accanto a due punti di ristoro: Malga Neves Alm (anche caseifici) e Malga Untermauer Alm. Entrambe con spazio all’esterno, offrono gustosi piatti tipici tirolesi.
Mucche al pascolo, rive piene di massi e sassi da lanciare, cascate e cascatelle: un bellissimo paesaggio che permette di trascorrere una giornata in serenità, visto che solitamente non è un posto troppo affollato. Numerose anche le panchine panoramiche, per una sosta rilassante.

Il lago di Neves è anche il punto di partenza per camminate più impegnative, come quella che porta al Rifugio Porro (2.419 metri: due ore, 250 metri di dislivello) e il Rifugio Ponte di Ghiaccio (2.545 metri, due ore e mezza, quasi mille metri di dislivello).

Per dormire consigliamo l’agriturismo Redenhof, associato al Gallo Rosso.

Da fare nei dintorni:

  • le cascate di Riva, a Riva di Tures, per poi scendere con la fly line nel bosco. Ecco il nostro racconto!

2 CommentiLascia un commento