Tutta la magia di Arte Sella

Purtroppo gran parte delle opere presenti ad Arte Sella sono andate distrutte durante le piogge e il forte vento che hanno colpito il nostro territorio verso la fine di ottobre 2018. Vi aggiorneremo sui lavori di ripristino e riapertura di questo bellissimo parco d’arte.

Ieri la piccola Alice ed io siamo state ad Artesellaluogo magico che si trova ad appena una decina di chilometri da Borgo Valsugana.

Con queste magnifiche giornate di sole è ancora più emozionante passeggiare e scoprire le splendide opere di decine di artisti provenienti da tutto il mondo.
Artesella da oltre trent’anni accoglie incredibili opere composte da materiali naturali, capaci di dialogare con l’ambiente circostante e di tornare alla Terra una volta esaurita la propria funzione. Nuove installazioni nascono infatti ogni anno, mentre altre scompaiono, in un continuo alternarsi di presenza ed assenza. Soprattutto se si torna di anno in anno, perché ogni volta è a sé.

Un’esperienza molto interessante da vivere assieme ai bambini, che reinterpretano il significato di quello che incontrano lungo il percorso a seconda della loro fantasia. Alice ha visto nella prima opera un enorme serpente che avvolgeva il tronco dell’albero. Gli ha camminato accanto, se l’è studiato attentamente e poi ha voluto entrare in un pertugio per capire se qualcuno abitasse al suo interno.

E’ proprio questo il bello di Artesella: con queste opere ti puoi relazionare. Entrandoci, attraversandole, toccandole, in un continuo sentimento di stupore e curiosità. Abbiamo incontrato una chiocciola gigante, un grande alveare, un nido contenente le uova di chissà quale dinosauro… e poi un pennino lunghissimo che invece di attingere inchiostro disegnava poi con l’acqua del laghetto, figure geometriche alte almeno quattro volte un essere umano e curiose casette delle forme più bizzarre. E come resistere alla tentazione di entrarci?



Siamo rimaste letteralmente affascinate poi dai Cervi di Sally Matthews: riproduzioni davvero realistiche di questi animali che popolano i boschi trentini. Di questo artista anche i Lupi e i Cinghiali, che incontrerete nel percorso ArteNatura (aperto tutto l’anno, gratuito, due ore circa di passeggiata prima di arrivare a Malga Costa, dove si trova l’ingresso per Artesella).

Ma l’opera che ha colpito di più Alice – una preferenza piuttosto frequente – è stata la Cattedrale Vegetale di Giuliano Mauri: monumentale struttura composta da 80 alberi che arriva fino a 15 metri di altezza. Imponenti le navate, che crescono anno dopo anno e che in ogni stagione mostrano la propria bellezza: in primavera con le nuove foglie, in estate nella loro esplosione verde, con i colori d’autunno oppure con gli effetti scenografici della neve che si posa e dà un rilievo speciale a questa costruzione unica al mondo.

Il sentiero, privo di barriere architettoniche e accessibile quindi anche ai passeggini, si snoda parte sul prato, parte nel bosco. Un chilometro da esplorare con calma e tranquillità, assaporandone tutta la magia.

Noi vi consigliamo una visita di almeno un paio d’ore, ma l’idea di trascorrere lì un’intera giornata può essere azzeccata. Parola di Alice: “Questo è un posto stupendissimo, devo proprio tornarci con mamma e papà!”.

Maggiori informazioni QUI

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *