Valle della Primavera: da Caldaro a Monticolo

Se c’è un aspetto divertente di questo lavoro è che a volte andiamo ad infilarci in situazioni assurde e anche un tantino imbarazzanti… Ci è successo poco tempo fa quando – dietro consiglio di un “fantomatico” esercente del posto – abbiamo deciso di intraprendere la bellissima Valle della Primavera che collega il Lago di Caldaro con quello di Monticolo… in passeggino! “Andate tranquillamente” – ci avevano detto al telefono – “ci saranno forse due o tre scalette ma è fattibilissimo”. Bene, le due o tre scalette, si sono rivelate essere circa una settantina di scalini che abbiamo dovuto scalare portando di peso Bianca che ronfava beatamente in passeggino (e la cosa più bella è che abbiamo invitato anche un’altra coppia di amici, anch’essi dotati di quattro ruote!!!).

Foto kalterersee.com AT @Peer

Tralasciando questo divertente siparietto vi parleremo oggi di una bella passeggiata da compiere rigorosamente SENZA passeggino (a meno che non siate degli appassionati di bodybuilding 😉 ). Si tratta della “Valle della Primavera” (“Frühlingstal”) che collega tra loro il Lago di Caldaro (in Alto Adige, circa 40 minuti in auto da Trento) ed il lago di Monticolo. Come dice il nome quest’escursione è consigliabile soprattutto in primavera (in particolare nei mesi di febbraio – se la stagione è calda – marzo ed aprile) perchè è in questo periodo che il sottobosco della vallata regala una splendida fioritura di campanellini, erba trinità, crocus e narcisi gialli ecc.

Il punto di partenza si trova ad ovest del lago di Caldaro (Ilaria aveva provato la passeggiata attorno allo specchio d’acqua, questa sì fattibile in passeggino! Leggi qui) presso il ristorante Geier. Seguite le indicazioni per la Frühlingstal e immergetevi tra i vigneti ed i meleti che circondano il lago; dopo circa dieci minuti di cammino dovrete attraversare la strada provinciale, qui ha inizio la vera Valle della Primavera su sentiero sterrato, in costante salita ma non troppo ripido (dislivello totale: circa 350 m.). Se i vostri bambini sono abbastanza grandicelli per camminare lasciateli scorazzare allegramente per il bosco, altrimenti portate con voi lo zaino porta-bimbo: in tutto per raggiungere la destinazione vi ci vorrà all’incirca un’ora e trenta minuti, quindi potrebbero stancarsi a metà cammino.

La “Valle della Primavera” si sviluppa praticamente sempre nel bosco, quindi fortunatamente all’ombra, ciononostante ci dicono che nei mesi più caldi l’afa si fa sentire anche qui. Evitate quindi magari di intraprenderla a luglio o agosto. Verso i tre quarti del percorso troverete le famose scalette di cui vi abbiamo parlato prima, qui il paesaggio inizia a mutare e ben presto vi troverete di nuovo immersi nei vigneti. Sulla vostra sinistra vedrete le case del paese, ma voi continuate a destra in direzione del Lago di Monticolo (ad ogni modo il percorso è ben segnalato). Il sentiero n° 20 porta direttamente al lato sud del lago maggiore di Monticolo, una vera oasi di pace (soprattutto finchè non apre il lido, a giugno) che a noi piace moltissimo (qui il racconto di Ilaria del giro attorno al lago).

Finalmente arrivati alla meta ci siamo goduti il relax della zona, abbiamo mangiato un bel gelato e Bianca ha giocato sulle barche ancorate al porto. Non rilassatevi troppo però! Dovrete affrontare il cammino di rientro (questa volta fortunatamente praticamente tutto in discesa).

Ecco alcuni dettagli tecnici sul percorso:

Durata: circa 3 ore
Dislivello: Salita 348 m, Discesa 60 m
Altitudine: 216 – 525 m.s.l.m.
Miglior periodo: i primi mesi di primavera (inizio marzo per la fioritura)
Grado di difficoltà: Sentiero escursionistico facile
Sentieri: 20, 20B, 20
Informazioni importanti: Attenzione bambini: c’é un ruscello!

Per maggiori informazioni: Associazione turistica Caldaro tel. 0471 963169

Foto di copertina: Archivio kalterersee.com – AT @Peer

 

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *