Forte Strino e la Guerra Bianca

Siamo stati tante volte in Val di Sole ma chissà come mai non eravamo mai stati a Forte Strino. Ora che lo abbiamo visitato vogliamo consigliarvelo perché, oltre ad essere interessante, è anche un luogo che tocca veramente l’anima.

Forte Strino si trova a metà strada tra Vermiglio ed il Passo del Tonale.
Forte Strino – ingresso

Raggiungere Forte Strino

Trovare Forte Strino non è complicato: si trova proprio sulla strada, a metà tra Vermiglio e il Passo del Tonale, sulla destra se viaggiate in direzione del confine lombardo. Ci sono diversi parcheggi sulla sinistra a lato strada. L’ingresso è anch’esso a livello della strada, ma appena entrete nell’atrio ricavato nella roccia vi attende una lunghissima e ripida scalinata che vi porterà effettivamente nel cuore del forte.

Forte Strino

Il forte ha una pianta circolare che si sviluppa su due piani. Ospita sia una collezione permanente di oggetti risalenti all’epoca del primo conflitto mondiale, sia mostre temporanee di arte contemporanea. Al muro si trovano ingrandimenti di fotografie d’epoca che testimoniano come il conflitto abbia non solo portato ad enormi perdite umane, ma anche come fosse stato dovuto all’incapacità da parte della classe dirigente, di gestire i grandi cambiamenti sociali e culturali che si ebbero a seguito della Rivoluzione Industriale.

Il ballatoio del piano superiore si affaccia sul piano inferiore e sono presenti grandi finestre che si aprono sulle montagne. Il forte, costruito dagli Austriaci nel 1860, fu disarmato durante la Prima Guerra mondiale poiché risultava inadeguato alle esigenze di difesa dell’epoca. Le linee di combattimento si spostarono in luoghi più impervi, come di vede nel grande plastico in esposizione.

Forte strino si sviluppa principalmente su due piani. Il ballatorio del secondo piano si affaccia sul piano inferiore
Forte strino – architettura interna

Il video introduttivo

Se i vostri bambini sono grandicelli e in grado di capire, all’inizio del percorso viene proposto un video che racconta la “guerra bianca” e le condizioni di estrema difficoltà in cui i soldati si trovavano, senza cibo né legna per scaldarsi e con la neve che era arrivata a raggiungere anche 12 metri di altezza. Non ci sono immagini violente ma si è sopraffatti dal bianco della neve, che sembra avvolgere ogni cosa e persona.

Al piano superiore si possono vedere alcune uniformi ed oggetti appartenenti all’esercito austriaco, italiano e tedesco. Curiose, non lo sapevamo, le tute bianche che venivano indossate sopra la divisa per mimetizzarsi e proteggersi, dal gelo. Per sdrammatizzare un po’ c’è anche un elmetto che è possibile indossare per farsi poi fare una foto.

La parte esterna

Intorno al forte sono stati riprodotti i classici steccati in legno con filo spinato. Si accede all’esterno sia dal secondo piano che dal primo: qui si può poi scendere a livello del parcheggio tramite un sentierino o proseguire la passeggiata nel bosco per arrivare agli altri forti (Forte Mero e Forte Zaccarana.)

Si può accedere al forte dal piano strada tramite una ripida scalinata scavata nella roccia oppure tramite un sentierino che sale al primo piano.
Forte Strino -esterno

Forte Strino: aperture

Il museo di Forte Strino è aperto per la Festa Della Repubblica e dal 8 al 30 giugno solo nel pomeriggio (dalle 14.00 alle 18.00). Dal primo luglio al primo settembre aperto tutti i giorni dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 14.00 alle 18 (con apertura serale fino alle 21.00 per visita guidata). Dal 2 al 22 settembre 2024 aperto solo con orario 14.00 -18.00.

Ingresso: intero 5 euro, ridotto 3 euro; con Guest Card: gratuito

Museo di Forte Strino, tel. 0463.758200 / 0364.903838 – www.vermigliovacanze.it/it/forte

La Grande Guerra in Val di Sole

Se hai visitato Forte Strino e vuoi avere un quadro completo di come il conflitto abbia modificato profondamente abitudini e sensibilità della gente del luogo ti consigliamo di: