Stretta e verde valle che parte da Merano e si allunga fino all’Austria, la Val Passiria “nasconde” delle vere e proprie chicche, luoghi preziosi incastonati tra alte vette, ampi pascoli e numerose sorgenti d’acqua. L’escursione che hanno provato per noi i nostri amici Alessandro e Noemi con la piccola Frida è un giro ad anello che vi porterà fino all’affascinante Seeber See: ecco il racconto! 😉

Dal paese di Moso in Passiria affrontiamo le numerose curve lungo la strada che porta a passo Rombo e, dopo una ventina di minuti, arriviamo al parcheggio della Seeber Alm 1900m (parcheggio libero). Prepariamo le ultime cose, carichiamo Frida sulle spalle della mamma e partiamo.

La direzione è proprio verso la Seeber Alm 1840 che raggiungiamo dopo circa 20 minuti di comoda strada sterrata in leggera discesa.
Superata la piccola malga, il sentiero si fa più stretto e leggermente fangoso visti i numerosissimi rigagnoli d’acqua che attraversano i prati circostanti. Ci alziamo piano piano in quota fino a raggiungere una grande zona d’alpeggio dove troviamo numerose mucche.

Il suono dei campanacci e lo scrosciare continuo dei corsi d’acqua ci accompagnano in questa parte del percorso, più isolata e con meno camminatori.

Attraversiamo un torrente e riprendiamo la salita che questa volta diventa un po’ più impegnativa. Dopo circa 50 minuti dalla malga raggiungiamo la nostra meta il Seeber See situato a 2052 metri, piccolo ma affascinante lago di montagna dove si specchiano le cime innevate del Tessa.
Ci fermiamo qualche minuto nei prati circostanti godendoci l’aria fresca e ricarichiamo le energie ammirando il bellissimo panorama.

Ripartiamo tornando nella direzione del parcheggio ma da un sentiero diverso, il 43A che attraverso una salita poco impegnativa ci porta al punto più alto dell’escursione (2142 metri) dove ci ritroviamo completamente immersi nella natura.

Scendiamo da un comodo sentiero attraversando le numerose cascatelle che bagnano i prati circostanti e raggiungiamo dopo altri 50 minuti la Oberglanegg alm a quota 2060 m (📞 328 6332696). Questa malga è un piccolo gioiello, il cortile si affaccia sulla valle e sulle imponenti vette. Ma la vista non è l’unica cosa che apprezziamo: ottimi canederli e un gustoso capretto rendono omaggio alle nostre papille gustative e ci ripagano della fatica!

Frida trova con piacere un angolo giochi con altalene, sabbiera e vari strumenti per giocare con la terra.
Dopo aver ringraziato gli accoglienti gestori riprendiamo il sentiero che in circa circa 15 minuti ci riporta alla macchina.

Il percorso non è adatto ai passeggini ma, se si affronta con bambini piccoli, è fondamentale uno zaino o un marsupio.