La magia invernale di Malga Fane

Eravamo già stati qui in estate e ve l’avevamo raccontato in QUESTO articolo, ma la magia invernale di questo luogo è altrettanto forte. Siamo in Val di Valles, nella Bassa Pusteria: uscita autostradale a Bressanone, si prosegue verso Rio Pusteria, si svolta a sinistra per Valles (1354 metri di altitudine). Si continua dritti fino al parcheggio (gratuito) poco sotto la baita Kurzkofelhütte. Aperta tutti i giorni dal 22 dicembre al 2 aprile 2018, noleggia anche gli slittini (info:349.1365997) che possono essere comodi e divertenti per tornare indietro, soprattutto per i più piccoli. Il venerdì la pista è illuminata anche la sera.

Avete a questo punto due possibilità: salire lungo la strada forestale, che sale più gradualmente e quindi più comoda, oppure prendere a sinistra il Sentiero del Latte (che vi avevamo raccontato anche QUI), nel bosco, caratterizzato da una serie di installazioni che parlano appunto di latte, di animali da pascolo e delle curiosità a loro legate. Molto carino, è un modo per far venire voglia di camminare anche ai più piccoli. Incontrerete porte da aprire (neve permettendo), mucche di legno e corde da tirare per scoprire i diversi suoni delle campanelle. Più facilmente usufruibile d’estate, è comunque interessante anche d’inverno.

In circa un’ora arriverete davanti ad uno spettacolo straordinario: Malga Fane è un villaggio alpino davvero idilliaco, che si trova  a poco più di 1.739 metri di altitudine. Baite, fienili, una piccola chiesa e tre rifugi, di cui solo uno aperto in inverno, è stata costruita nel Medioevo come asilo per i malati della peste e la colera.

In inverno è aperto solo un rifugio, il Zingerlehütte. Da inizio dicembre fino a fine marzo (chiusura il martedì) vi aspetta con la sua meravigliosa stube in legno, giochi da tavolo per i bambini, piatti squisiti. Noi ci siamo mangiati TRE uova, patate saltate e speck…una goduria! E con il caffè ci hanno portato anche ottimi pasticcini.

Ci avesse voglia di continuare la passeggiata può andare in un’altra ora e mezza fino al Rifugio Bressanone, ma ce l’hanno sconsigliato vista la presenza di ghiaccio. A questo punto potete tornare indietro per la strada forestale (con lo slittino, se l’avete noleggiato) e godervi il meritato riposo.

Info utili: a meno che non ci sia tantissima neve fresca, i sentieri e la strada forestale sono ben battuti, quindi le ciaspole non sono necessarie.

 

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *