*Aperta tutto l’anno. Info: 340 8711861*

C’era una volta una malga, … E ci sarà ancora. Oggi vi porto alla scoperta di uno posto incantato.

civertaghe primaveraAd ostacolare la rinascita di quella che è stata la prima malga del Trentino ad aprire le porte ai turisti ci sta pensando la scarsa volontà istituzionale e le magagne tipiche di chi non ha un aggancio politico per sbloccare certe situazioni immotivatamente paludose. Ma un cuore appassionato batte la burocrazia ad occhi chiusi ed in questo posto ci sono ben quattro cuori appassionati: i fratelli Giovanni, Giacomo, Josephine e la moglie Francesca, che hanno contagiato tutti quelli che sono arrivati fin qui. E sono davvero tanti. Sto parlando di Malga Civertaghe, tra Siror e S.Martino di Castrozza. E non cominciate a pensare che sia lontana, perché da Trento ci mettete poco più di un’ora. Cos’ha di tanto speciale questo posto? Che emana un’energia speciale. Eppure la malga è ancora da ristrutturare e passerà ancora un po’ di tempo prima che torni all’antico splendore, ma per farsi un’idea, sono state allestite sul prato delle piccole casette che simulano gli alloggi che prenderanno vita una volta terminati i lavori.

Ci sono diversi chioschi: uno che sforna super panini, carne alla griglia, dolci fatti in casa e taglieri di salumi e formaggi che si possono gustare sui tavoli e le panche all’aperto. Altri con i prodotti dell’orto, il chiosco per i bambini, quello dedicato lettura. Non perdetevi le amache e le sdraio per concedervi un momento di relax.

IMG-20150822-WA0006

IMG-20150822-WA0003E poi ci sono le Pale di S.Martino, con la loro imponente bellezza, che tengono d’occhio tutti quelli che arrivano qui per un buon picnic e una giornata all’aria aperta. Tra l’altro, continuano fino alla fine di agosto i cheesenic: tagliere di formaggi e salumi di Primiero oppure carne alla griglia o panino caldo con prodotti locali, strudel o torta fatta in casa. Birra Bionoc’ o succo di mela, acqua.  Per i più piccoli: panino caldo o freddo con wurstel, salsiccia, formaggio, crostata fatta in casa, acqua o succo al mirtillo o di mela. Troverete inoltre tanti animali: Civerbelt, magnifico cagnolone e le civerpite (galline)

 

11796266_723072791132006_1006258316607685822_nTutti i giorni c’è – una piccola chiave d’oro, da cercare da soli o in compagnia, che una volta trovata permetterà di ritirare un piccolo premio. Il Bosco dei Sogni è il bosco dove stanno crescendo gli alberi che tante persone negli anni hanno adottato – dando loro il proprio nome o quello di tutta la famiglia – per finanziare la ristrutturazione della malga (per il momento non ci sono più alberi disponibili da adottare). Un luogo magico, che permette ai sogni di diventare realtà. Anche per questo motivo tutti i giorni i bimbi possono comprare una scatolina, decorarla a loro piacere con i colori e il materiale fornito dalla malga, inserire un biglietto con il proprio desiderio ed infilarla nella bocca del Custode dei Sogni.Ma non è sufficiente questo: i sogni devono essere continuamente alimentati. Con il pensiero, con la forza, con l’energia. Solo così diventeranno un giorno realtà. Per questo il motto di Malga Civertaghe (scritto anche sulle magliette in vendita, molto carine) è: Non è folle chi insegue un sogno, ma è folle chi l’abbandona. E a noi questi ragazzi sono proprio piaciuti un sacco: continueremo a seguirli nella realizzazione di questo bellissimo progetto!Come arrivare: dall’abitato di S.Martino di Castrozza parte la strada forestale dei Camoi e dopo circa 3 chilometri si arriva alla malga. Il tracciato alternativo sale dal tornante dei Camoi, lungo la strada che da Fiera di Primiero sale a S.Martino. Molto bella la passeggiata che parte sempre da San Martino in località “Caffè Col” e “Fontanelle”. Da qui si possono prendere due vie: una che attraversa il torrente “Camoi” (tempo di percorrenza circa un’ora) oppure prendere le indicazioni per il Rifugio Velo della Madonna costeggiando le Cime Val di Roda per poi trovare le indicazioni per Malga Civertaghe, tempo stimato un’ora e mezza. Dall’abitato di Siror si può arrivare alla malga tramite il sentiero Di S.Antonio, passando nelle località dei “Martini” e “Prati Ronzi oppure dalla ciclabile che da Siror arriva direttamente alla malga (contate che la salita si fa sentire, quindi per i meno allenati consigliamo di farsi aiutare con le biciclette a pedalata assistita).

Tutti i giorni infine sarà possibile partecipare alla Caccia Al Tesoro dove la squadra del Signore degli Anelli dovrà sfidare quella degli Hobbit… Ma alla fine il tesoro a base di torta e succo di mela fatto in casa sarà equamente spartito tra tutti i partecipanti.

Tutti i sabati mattina invece, a partire dalle ore 10.00 vi aspettano i laboratori creativi dove potrete creare splendidi oggetti da realizzare con i materiali disponibili alla Malga: legno, rame, pietre. *aggiornamento luglio 2020: i laboratori del sabato mattina per il momento sono sospesi

Prima di lasciare la malga vi consigliamo di acquistare (€ 5) la vostra scatolina dei sogni, dove scrivere il proprio sogno e affidarlo al Custode dei Sogni.

Info e prenotazioni:
340 8711861
www.malga-civertaghe.it
info@malga-civertaghe.it