Malga Dimaro si trova a 1670 metri di altitudine, a metà strada circa tra il paese di Dimaro e Passo Campo Carlo Magno. Raggiungibile anche in auto, dal bivio con le indicazioni bisogna percorrere un paio di chilometri su strada asfaltata. In salita, ma fattibile anche con il passeggino. Aperta solitamente da metà giugno fino a fine settembre, colpisce senza alcun dubbio per la sua vista  maestosa sul Sasso Rosso e le Dolomiti di Brenta.

La struttura è di muratura, in pietra di granito a vista, e coperta di scandole, tipico sistema trentino per la costruzione di tetti.

A poca distanza la stalla con le mucche, circa 45 capi di bovini da latte che vengono munti due volte al giorno: una, al mattino, dedicata prevalentemente alla produzione del Casolèt, caratteristico della Val di Sole. L’altra, verso le 17, che è diventata una ghiotta occasione per turisti e visitatori di assistere ad un momento importante per la vita di malga.

Stefano Stanchina, aiutato dalla sua famiglia, è alla tredicesima stagione in malga. Lavoro duro, ma che dà anche molte soddisfazioni. Qui vengono prodotti, e poi venduti allo spaccio, il Casolèt appunto, il Nostrano Trentino di Malga (sia fresco che stagionato a 12 mesi), burro, ricotta fresca ed affumicata, ma anche caciotte.

Non è previsto il servizio di ristorazione, se non l’assaggio di qualche tagliere di prodotti propri. Guardate che magnifico più Nicola potete fare qui…

Per scoprire tutte le malghe che aderiscono al progetto Trentino di MalgaCLICCA QUI!